Aggiornamento sulla secessione degli Stati Uniti d’America

Le petizioni firmate da centinaia di migliaia di Americani, con la richiesta di secedere pacificamente dall’Unione federale, sono state depositate da tutti i 50 stati e registrate nel sito web della Casa Bianca.

L’ondata della petizione secessionista è cominciata sulle pagine del sito “We The People” dopo che un uomo residente a Slidell (Louisiana), ha presentato la petizione il giorno 7 novembre per permettere la secessione della Louisiana. I residenti degli altri stati ne hanno seguito l’esempio.

A partire da mercoledì pomeriggio, North CarolinaTennesseeAlabamaGeorgiaLouisiana e Texas — tutti stati che hanno votato per l’ex governatore Mitt Romney — più la Florida, hanno raccolto più delle 25.000 firme richieste per attivare una risposta ufficiale da parte dell’amministrazione Obama. Complessivamente, le petizioni per la secessione hanno accumulato ad oggi più di 700.000 firme digitali.

Il Texas guida con più di 99 mila firme, ma il governatore Rick Perry ha detto martedì scorso che non sosterrà la secessione.

“Il Gov. Perry crede ancora nella grandezza della nostra Unione e che nulla andrebbe fatto per cambiarla”,riportano fonti dell’ufficio del governatore. “Ma egli condivide comunque le frustrazioni che molti Americani hanno verso il governo federale.”

Nel frattempo, i residenti di Austin, roccaforte Texana ostinatamente liberale, ha chiesto alla Casa Bianca di permettere alla città di “ritirarsi dallo stato del Texas e rimanendo parte degli Stati Uniti.”

Petizioni simili sono già state compilate dopo le elezioni del 2004 e del 2008. Fra queste, c’è anche una petizione che chiede al presidente di firmare un ordine esecutivo per togliere la cittadinanza americana ai firmatari delle petizioni secessioniste con l’aggiunta che siano “pacificamente deportati”.

La secessione non è comunque l’unico argomento oggetto di petizioni alla Casa Bianca. Fra le 140 petizioni visualizzabili sul sito, due richiedono la legalizzazione della marijuana, una chiede lo stop degli attacchi dei droni USA e una chiede il riconteggio dei voti delle elezioni.

Fonte in lingua inglese: news.yahoo.com/blogs
Traduzione italiana: Lòthlaurin per Hearthaware blog
Fonte: hearthaware | Aggiornamento sulla secessione negli Stati Uniti

Annunci

3 risposte a “Aggiornamento sulla secessione degli Stati Uniti d’America

  1. intanto noi cerchiamo di uscire dall’ euro e dall’ europa se vogliamo sopravvivere……………… i nostri sequestratori dovranno trovarsi altri ostaggi….

  2. Pingback: Nicola Zegrini – LA SCELTA « lo specchio del pensiero·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...