CROLLANO IN BORSA FINANZA E BANCHE MENTRE LE INDUSTRIE MERCANTILI SALGONO. INIZIA IL VERO SCONTRO TRA INDUSTRIA E FINANZA

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI

Un noioso e sintetico post di natura tecnica sulla giornata internazionale borsistica e finanziaria nel mondo occidentale. Ce l’avete l’elmetto?

Mentre in Italia la cupola mediatica si arrampica per inventare dati (falsi) date (false) documentazioni inesistenti, per sostenere la credibilità di un governo, come quello attuale italiano, che a livello internazionale, di credibilità, non ne ha davvero nessuna (e non c’è nessun giornalista –neanche a pagarlo a peso d’oro- che ha il coraggio di dirlo) il mondo “vero” del business, cioè quello costruito da chi investe nelle merci, da chi produce, da chi lavora, se ne va da un’altra parte. E così le borse vanno giù e monta il panico. E’ il bello del ballo.
Dipende da chi balla e da chi suona la musica, naturalmente.

Avevano già intascato la vittoria di Romney pensando che avrebbero potuto fare il bello e il cattivo tempo e invece niente. E così, da noi, la cupola mediatica ci fa sapere che Obama ha telefonato a Monti. Anzi, che “si sono parlati”. Naturalmente nessuno né spiega, né racconta e tanto meno interpreta l’esito della conversazione. Chi ha chiamato chi e per dire, che cosa? Non spiegano neppure come mai, tale telefonata, si è verificata in concomitanza al fatto che, per la prima volta, il club Bilderberg sceglie come propria sede per una improvvisa “riunione d’emergenza” proprio la città di Roma. Come ha detto stamattina il premio Nobel Paul Krugman che gongolava “we are just dancing”. C’è davvero da sbizzarrirsi.

Tutti i colossi finanziari internazionali, con in testa Black Rock, solida roccia nera alla quale si sono aggrappate MPS, Intesa San Paolo, lo Ior e Unicredit, perde un secco 2 miliardi di euro e Goldman Sachs e J. P. Morgan vedono sfumare decine di miliardi in poche ore perché alla Casa Bianca la prima riunione tra Obama e i quattordici presidenti delle società che producono la vecchia energia (petrolio, carbone, elettricità da derivati fossili, ecc.) con la General Electric in testa (la n.1 al mondo) si è conclusa con una porta chiusa in faccia per i possessori del cartello dell’energia. Ma in borsa a Wall street, in  netta controtendenza, volano in alto i produttori di alta tecnologia, di energia rinnovabile, tutto il settore della green economy, tutto il settore tessile attivo nella zona della California, le prime 100 aziende quotate nella Silicon Valley, facebook, le aziende agricole a chilometro zero nell’Arkansas, nelle piane dell’Ohio, nel Washington state.

E’ il mercato –quello vero- che risponde con cifre vere, lavoro vero, davanti alla nuova realtà.

La finanza comincia a trovarsi nella agghiacciante (per loro) prospettiva di dover fare davvero i conti. Perché la carta straccia che si ritrovano in mano, adesso, è tutto grasso che cola se riescono a vendersela tra di loro e, va da sé, che pur essendo cannibali e sciacalli non sono masochisti, quindi nessuno li vuole, tra di loro. E non riescono più ad appiopparli agli stati, un tempo vero e proprio secchio della spazzatura servile e compiacente, perché il secchio è sparito. A furia di austerità e rigore non esistono risorse finanziarie sufficienti per far fronte ai loro debiti, quindi se li dovranno pagare da soli, l’uno con l’altro. Per tradurla in sintesi e molto brevemente così la gente capisce: gli strozzini se la devono vedere con altri strozzini. Stamattina Monte dei paschi di Siena aveva pigolato sul mercato cercando di emettere dei buoni della banca e dopo due orette si è dovuta ritirare dal mercato con un flop: non li vuole nessuno. Risultato: il titolo a picco. Di corsa a batter cassa a Roma, ma soldi non ce ne stanno, perché nel frattempo, grazie alle manovre di Monti il disavanzo è salito da 1.965 miliardi di euro a 1.996 in soli due mesetti, nei quali hanno riempito di miliardi le banche italiane, senza dirlo a noi, naturalmente, pensando che nessuno sarebbe venuto a saperlo. Mentre Grilli annuncia trionfalmente in televisione “abbiamo aggiustato i conti, e le nostre banche stanno davvero a posto definitivamente”, i cosiddetti “mercati” (termine che gli oligarchi adorano) sostengono esattamente il contrario. Non è un mistero. Quando le banche vanno a picco, il management sostiene pubblicamente che è tutta una meraviglia per attrarre i gonzi.

Il 16 novembre, alla Casa Bianca, inizia la prima riunione tra democratici e repubblicani sull’economia. Il problema è che “tecnicamente” è saltato il Portogallo e una marea di derivati sui poveri lusitani gira come una trottola per tutta Europa (è un po’ come il gioco del cerino o quello della sedia, come vi pare) e tutti sanno che a un certo punto quando la musica smette e tutti si siedono, qualcuno rimarrà fuori. Qualcuno vuol dire grosse banche, giganteschi speculatori, fondazioni bancarie, ecc.
Vi diranno questa sera che è la finanza speculativa che è all’attacco. NON E’ VERO NIENTE.
E’ esattamente il contrario.
Americani e (per il momento con dei vagiti) anche gli inglesi, hanno capito (sono società pragmatiche) che la musica è cambiata e bisogna fare i conti reali.
Chi segue questo blog sa quanto sia polemico tutti i giorni con l’ossessione italiota del parlare sempre di soldi, di numeri, ecc. Ne parlo oggi semplicemente perché ho già capito che stanno cercando di riempire la gente di paura, di terrore, grazie anche ad analfabeti web che diffondono notizie prive di senso.
La realtà delle notizie “dai mercati” di oggi in occidente è che in tutte le borse del mondo vanno giù la finanza pura, i derivati, le banche, le assicurazioni, ma vanno invece su tutte le solide industrie che producono merci appetibili. Tutto qui.

Quindi, le notizie sono davvero ottime. E’ la prima volta in cui vi invito a essere ottimisti.
Ci sono sostanziali motivi per esserlo.
Non fatevi deprimere. Non fatevi ingannare. Non fatevi distogliere.
Per tutti noi, nel senso di cittadini, popolo, stati, esseri umani costretti ad essere testimoni passivi per mancanza oggettiva di mezzi, è una buona notizia che dovrebbe indurre a pensieri positivi, se non altro la noiosa crociera dragomontiana ci regala dei solidi cavalloni da montagne russe.

Qui di seguito per i patiti dei link, delle cifre, delle sigle e di qualcuno che conta, in copia e incolla l’intero editoriale di Bloomberg, il più affidabile sito on line al mondo, che fa il punto della giornata e spiega come stanno le cose. Va da sé è in inglese, ma tanto sono soltanto cifre.

Ciò che conta è l’humus, l’atmosfera che si respira, ciò che si dice in giro per il mondo. E tra i progressisti nei diversi continenti si comincia a notare un grande e contagioso buon umore come non se ne vedeva da almeno parecchi anni. Secondo alcuni, addirittura da qualche decennio.

Buon proseguimento di settimana per tutti.

Sergio Di Cori Modigliani
Fonte: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it

Tratto da: http://www.comedonchisciotte.org/site/index.php
14.11.2012

BLOOMBERG. November 14th 2012. 11.30 a.m.

U.S. stocks fell as concern about the budget debate in Washington overshadowed an advance in technology shares after Cisco Systems Inc.’s earnings topped estimates.
Cisco, the world’s biggest maker of computer-networking equipment, surged 6.3 percent. Abercrombie & Fitch Co. (ANF), the teen retailer with more than 1,000 stores, soared 29 percent after boosting its full-year profit forecast. Facebook Inc. (FB) jumped 9 percent as investors seized on the opportunity created by the biggest increase in the number of shares freed for trading since the company went public in May.
The Standard & Poor’s 500 Index fell 0.3 percent to 1,370.87 at 10:30 a.m. in New York, after rising 0.4 percent earlier. The Dow Jones Industrial Average lost 56.14 points, or 0.4 percent, to 12,700.04. Trading in S&P 500 companies was 4.1 percent below the 30-day average at this time of day.
“We will continue to drift sideways until we see some progress on the fiscal cliff negotiations,” Peter Jankovskis, co-chief investment officer for Oakbrook Investments in Lisle, Illinois, which manages more than $3 billion, said in a phone interview.
The S&P 500 has fallen 4 percent since President Barack Obama’s re-election set up a budget showdown with the Republican-controlled House of Representatives. The benchmark gauge for U.S. equities has lost 6.5 percent from its high for the year on Sept. 14, paring its 2012 gain to 9.1 percent.

Fiscal Cliff

Obama is negotiating to reach a deficit-reduction deal with Congress to avert $607 billion in automatic tax increases and spending cuts, or the so-called fiscal cliff. He’s scheduled to talk today at the White House with a dozen corporate executives, including General Electric Co. (GE) Chief Executive Officer Jeffrey Immelt, and hold his first news conference since June. The meetings come before Obama sits down with Democratic and Republican congressional leaders Nov. 16 for opening talks on taxes and spending.
Retail sales in the U.S. fell in October for the first time in four months, influenced by the effects of superstorm Sandy, which hurt receipts for some and helped for others. The 0.3 percent drop followed a 1.3 percent increase in September that was larger than previously reported, Commerce Department figures showed today in Washington.
Wholesale prices unexpectedly fell for the first time in five months as energy and vehicle costs dropped. The 0.2 percent decline in the producer price index came after a 1.1 percent increase the prior month, Labor Department figures showed today in Washington. The median estimate in a Bloomberg survey of 73 economists called for a 0.2 percent rise.

Europe Output

In Europeindustrial production dropped the most in more than three years in September, led by double-digit declines in Portugal and Ireland.
Cisco (CSCO) surged 6.3 percent to $17.91. The maker of computer- networking equipment said profit excluding some costs was 48 cents a share in the fiscal first quarter, compared with the average analyst estimate compiled by Bloomberg of 46 cents a share.
Juniper Networks Inc. (JNPR) the second-largest maker of networking gear, added 2.5 percent to $17.79. F5 Networks Inc. (FFIV), a maker of equipment for managing data traffic, gained 4.5 percent to $90.39.

Abercrombie Soars

Abercrombie & Fitch jumped 29 percent to $40.23. The company, which also owns the Southern California-style Hollister apparel stores, raised the forecast for the year after exceeding its estimates in the third quarter. Sales in the period ended Oct. 27 rose 9 percent, while international sales jumped 37 percent.
Facebook soared 9 percent to $21.65. Restrictions lift today on 804 million shares held by former employees and those who sold at the initial public offering, almost doubling the total available for trading, according to a regulatory filing .
The operator of the world’s most popular social-networking service has lost about half its value since going public as the number of shares rose and investors fretted about the company’s ability to boost mobile-advertising sales. With its most recent quarterly earnings report, Facebook convinced investors that it has potential to boost ad revenue, helping to drive up the price of shares released for trading today, said Brian Wieser, an analyst at Pivotal Research Group.

Weatherford Gains

Weatherford International Ltd. (WFT) advanced 1.1 percent to $9.25 as Jefferies Group Inc. and Societe Generale SA upgraded the fourth-largest oilfield services provider to hold. The shares tumbled to the lowest price in more than three years yesterday after the company reported quarterly sales that missed estimates.
Zynga Inc. (ZNGA) rose 3.3 percent to $2.18. The largest maker of games played on social networks said Chief Financial Officer David Wehner is departing to take a senior finance job at Facebook. He’ll be succeeded by Mark Vranesh.
Chief Mobile Officer David Ko was named chief operations officer, while Barry Cottle was appointed chief revenue officer and Steven Chiang became president of games, San Francisco-based Zynga said late yesterday.
Annunci

2 risposte a “CROLLANO IN BORSA FINANZA E BANCHE MENTRE LE INDUSTRIE MERCANTILI SALGONO. INIZIA IL VERO SCONTRO TRA INDUSTRIA E FINANZA

  1. sembra che le cose stanno andando meglio in quel fronte ma per me e sicuramente non solo per me i problemi principali rimangono tipo: i penzionati non possono vivere con una media di 600 euro al mese—i lavoratori con poco più di 1000 euro hanno lo stesso grande problema per non parlare di chi sta molto peggio come ammalati gravi -dormitoi pieni e tant’ altro…..io la soluzione l’ ho vista nel progetto nesara, quindi se qualcuno si sta scervellando per capire come bisogna agire basta che se lo legge su internet con una velocissima ricerca e aggiungo che qualsiasi partito che attuarebbe tale progetto avrebbe una vittoria schiacciante sugl’ altri che non sanno più cosa stanno dicendo…….capisco che si fa un passetto alla volta…..

  2. bravo Mauro sono perfettamente d’accordo con quei soldi si possono anche creare aziende piccole e a condizioni famigliare ed ecologiche per creare lavoro prosperità e crearsi la propria sovranità. Pace e prosperità a tutti MaDevaBindu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...