L’Imbarazzo della scienza: energie e “onde” diverse

pic1Energie e “onde” diverse
L’umanità di oggi  sta vivendo un momento incredibile nel settore delle telecomunicazioni. Radio, televisione e telefono, che fino a pochi anni fa erano “prodigi” della scienza, oggi ci sembrano obsoleti,  e con l’arrivo di internet, dei telefonini, dei decoder, dei sistemi satellitari, termini astrusi come web, gsm, gps, gprs, sms, mms, umts, banda larga, doppia banda, etc. sono sulla bocca di tutti. In questa Era è possibile conversare sia al telefono che attraverso il computer, vedendo l’interlocutore; si può filmare con il telefonino, inviare messaggi o immagini, navigare in internet anche dal televisore o dal cellulare, vedere la TV di tutto il mondo…
Sembra che la New Technology sia partita a razzo e che nessuno la possa più fermare! Ma senza tre scienziati italiani e le loro invenzioni (la pila, la radio e il telefono) basate sullo studio dell’elettromagnetismo, useremmo ancora i segnali di fumo.  Cosa sarebbe della nostra vita quotidiana se rimanessimo senza energia elettrica? Niente luce, niente frigorifero, niente telefono, niente carica-batterie, niente computer, niente riscaldamento e condizionatore, niente televisore o radio…
Sul nostro pianeta,  si è evoluta una tecnologia che dipende totalmente dall’elettromagnetismo, perché la stragrande maggioranza degli scienziati (tra cui quelli impegnati nel progetto di Arecibo) non prendono in considerazione che una specie intelligente possa essersi evoluta in modo diverso dal nostro, sfruttando altre forme di energia e altri tipi di “onde”, in grado di superare la velocità della Luce e di spostarsi negli spazi siderali attraverso “scorciatoie” sconosciute (a noi)… solo perché si tralascia di studiare l’esistenza di onde e campi diversi da quelli elettromagnetici.
Nikola Tesla e Thomas Towsend Brown
Alcuni scienziati, tra cui Nikola Tesla[1] e Thomas Towsend Brown[2], avevano scoperto che le onde gravitazionali non solo esistono, non solo sono in grado di attraversare la materia, ma sono in grado di trasportare o radiotrasmettere in tempi incredibili, essendo iperdimensionali (invece, nella “Teoria Generale della Relatività”, Einstein ammise che queste potrebbero esistere, ma senza superare la velocità della Luce). Dopo aver entrambi affermato di aver comunicato con esseri intelligenti extraterrestri per mezzo di onde gravitazionali, le scoperte scientifiche di Tesla e Brown furono sequestrate dal Governo USA, che le trasformò in Dossier “TOP SECRET”.
Tuttavia, il fisico Gregory Hodowanek, sviluppando a sua volta una serie di ricerche che gli permisero l’invenzione di un apparecchio in grado di ricevere e di trasmettere onde gravitazionali di tipo monopolare, spiegò che questo tipo di onda era diversa da quella quadripolare (che non poteva superare la velocità della Luce) ipotizzata da Einstein, e che proprio questa peculiarità permetteva di traguardare qualunque stella nel cosmo in… 1 Plank-secondo (10-44)!
Tesla e Brown avevano scoperto (anzi ri-scoperto) che era possibile sfruttare l’energia naturale della Terra per produrre elettricità in grado di rice-trasmettere con altri mondi, e allora: perché il progetto SETI non ha tenuto conto delle loro scoperte, seguendo una nuova via sperimentale?   È sconcertante che Tesla – prima di essere bloccato – avesse ampliamente dimostrato le sue teorie nella sua stazione radio nelle Montagne Rocciose a Colorado Spring… e visto che  aveva già collaborato, insieme a Einstein, a un progetto governativo passato alla storia come “Esperimento Philadelphia”[3]…
Per quanto riguarda Thomas Towsend Brown, invece, il suo nome è stato virtualmente cancellato dai libri di storia…
Ma… se l’attuale new technology  è il risultato di un’ingegneria sconosciuta agli antichi, ed essendo tuttavia lampante l’esistenza di un’ancient technology, la domanda è: “questa su che cosa si basava?” Non si vuole ammettere che gli antichi Egizi (tanto per fare un esempio) conoscessero l’uso dell’elettricità: bene, se non la conoscevano (ma sembrerebbe invece di sì, se non altro dalle raffigurazioni della cripta nel Tempio di Dendera, fig. 20), allora che cosa usavano al suo posto?
Recenti studi hanno dimostrato che se la moderna scienza approfondisse lo studio della petrovoltaica, potrebbe ottenere energia  abbondante e non inquinante, sfruttando le vibrazioni elettriche naturali che abbiamo sempre avuto sotto gli occhi.  Emergerebbe sicuramente una delle tante tecnologie naturali nelle quali eccellevano i nostri antenati ( non a caso physis è  il termine greco che diede origine alla parola fisica, che significa natura).
Un plagio
Negli anni ’30 le pareti della minuscola cripta (un cunicolo senza sbocco, largo 1 m. e alto 2,10) furono finalmente fotografate, e solo allora si scoprì che un’importante invenzione del 1879 sembrava realizzata copiando le cosiddette “lampadine di Dendera”: si trattava dei “tubi di Crookes” [4], per la produzione di raggi X – inventati 20 anni dopo la pubblicazione dei disegni di Mariette -. I bulbi di Crookes, identici di forma a quelli egizi, accendendosi sembrano contenere un serpente di luce con la testa girata all’indietro(fig. 21)!
 
In un altro bassorilievo della stessa cripta, sono rappresentati alcuni apparati “moderni”, composti da cavi elettrici che conducono a un accumulatore di forma sferica, al cui interno sono stati incisi alcuni zig-zag; il tutto, nell’insieme, dà l’idea dell’elettricità e forse anche dell’alta tensione.
Vorrei aggiungere che questa stanzina è talmente angusta, che sembra costruita solo per essere decorata… e che questi non sono geroglifici, perché non sono mai apparsi da nessun’altra parte. E infine c’è un dettaglio ricorrente: il complesso sotterraneo del Tempio di Dendera è stato scoperto da Mariette per caso, in quanto era stato completamente riempito di sabbia e detriti, e la botola di accesso era stata praticamente otturata.
Una verità imbarazzante
Di questi messaggi parietali – e del tempio stesso – si parla poco: evidentemente gli egittologi sono in difficoltà a dare spiegazioni. Risultato: questo bellissimo e imbarazzante sito è tagliato fuori dagli itinerari turistici “classici”…
Una cosa è certa: in questo tempio i sacerdoti erano a conoscenza di qualcosa di molto importante. Conoscevano l’elettricità. La collegavano alla Torre Djed (Zed), che con la sua forza trasferiva ai bulbi elettrici l’Energia, senza la quale essi non avrebbero potuto funzionare.
Inoltre conoscevano la forma della Torre. Nessun accenno alla Piramide: era stato già detto anche troppo.
Scintille in cima alla Piramide
C’è dell’altro: oggi è proibito, ma una volta era possibile arrampicarsi fino in cima della Grande Piramide. Adesso, a causa degli incidenti successi nel passato, ci vogliono speciali permessi. Cosa pensare dei sibili di natura elettrica che si sentono chiaramente, una volta arrivati in alto, semplicemente sollevando le braccia?
Un ingegnere inglese, molti anni fa, provò a fare un esperimento e decise – una volta giunto sulla sommità – di fare una “bottiglia di Leyda” con una bottiglia vuota e della carta di giornale. Il risultato fu che dalla bottiglia sollevata verso l’alto scaturì una corrente di scintille…
Diventò molto famoso nel mondo come industriale. Il suo nome è Siemens.
È risaputo (!) che gli antichi Egizi non conoscevano l’energia elettrica; questa, almeno, è la versione ufficiale. La stessa versione che afferma che nessun popolo antico la conosceva… tant’è vero che per arrivare alla pila voltaica e all’elettricità bisogna aspettare… fino al secolo scorso. Solo l’uomo moderno è stato così intelligente.

Fonte: http://www.progettoatlanticus.net/

Tratto da: http://terrarealtime.blogspot.it/

3 risposte a “L’Imbarazzo della scienza: energie e “onde” diverse

  1. sicuramente anche qui c’è lo zampino della cabala che avrà versato una enorme somma di denaro per (insabbiare) tutto…..voi che ne pensate?………..

  2. Penso che i popoli antichi avessero conoscenze molto più evolute di quello che ci è stato tramandato nel tempo.
    Penso anche che esistano fonti alternative di energia pulita e gratuita che ci vengono nascoste per questioni economiche e di potere di alcuni personaggi al vertice (come pensa Mauro) i quali vogliono tenerci dipendenti ed ignoranti e che monopolizzano anche altri settori come l’agricoltura, l’industria alimentare e quella farmaceutica.
    Ci vorranno ancora molto tempo e pazienza, ma anche queste cose si risolveranno nel migliore dei modi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...