La scienza dell’anima

sole_aurora-300x200Di: Gianni Tirelli

Possiamo si comprendere il funzionamento elementare di alcuni meccanismi biologici e tentare infantilmente di duplicarli, ma in assenza di spirito, anima e coscienza – che sono i cardini di ogni autentica scoperta – il risultato non sarà che una fotocopia sbiadita dell’originale che, per quanto riguarda gli elementi della vita, è un processo inimitabile soggetto a Copyright universale. I motivi per cui la scienza moderna non ha prodotto nulla di buono, sta in questa mia considerazione!!
“Non é dunque con la bilancia che peserete l’ignoto, e non sondate con l’asta o lo scandaglio le vostre sapienti profondità”. Gibran

La moderna scienza, che ha voluto ridurre e tradurre ogni cosa animata e non, a mera formula chimica, equazione algebrica e principio fisico, non è in grado di resuscitare un uomo morto, ne tanto meno, crearne uno nuovo, pensante e parlante, dotato di anima, coscienza e spirito.
Queste tre entità del resto, sono sconosciute alla moderna scienza che ha investito ogni sua risorsa, umana e materiale, nel sondare l’infinitesimale – infinitesimale a sua volta.
E così si occupa di geni, di strutture genetiche, di codici genetici, anfratti genetici, manipolazioni genetiche, microscopiche entità, visibili soltanto con l’ausilio di diabolici marchingegni atomici dai costi inimmaginabili, ma che, “fino in fondo”, non potranno mai vedere ne scorgere il più remoto barlume di verità.

La vita, ogni forma di vita, non è la risultante della combinazione di geni, cromosomi e affini, ne l’effetto ultimo di un fattore tecnico, ma si esprime dall’incontro di due anime, di due spiriti, di due coscienze, in assenza delle quali nulla potrebbe mai esistere.

Per tanto, tutto l’investimento riversato sulla bio/tecnologia si è rivelato un vero e colossale fallimento. Avremmo dovuto occuparci dell’anima e dello spirito – delle autentiche ragioni dell’uomo e dei motivi dell’esistenza: la sola scienza che avrebbe potuto e saputo guarirci da ogni male e tormento psicologico aprendo le porte a quel mondo che porta all’armonia, alla felicità e alla comprensione del Mistero. Abbiamo guardato il dito evitando che il nostro sguardo incrociasse il chiarore della luna, e così imboccato la via più breve e più facile; quella strada a senso unico che porta dritti all’inferno.

Credere dunque che l’individuo umano sia la logica conseguenza prodotta dall’incontro di due fattori meramente organici, è una bestialità – un’idea malsana, talmente minimalista e approssimativa, che ci da uno spaccato esaustivo del livello di ignoranza e di incoscienza in cui versa oggi, il moderno sapere occidentale. L’Incontro, non è che un tecnicismo (se pur necessario), ma se la vita non incrocia una seconda vita che ne condivida il destino, nessuna scintilla potrà mai esplodere.
Potremmo seminare buoni semi di grano fra le sabbie del deserto o fra le nevi perenni della catena himalayana, ma nulla potrà mai germogliare e crescere in una condizione inanimata. Potremmo seminare aghi di pino fra le fertili pianure del Rajasthan alle pendici dei monti Aravalli bagnate dalle acque pure e fresche del Chambal, che niente che assomigli alla vita potrà mai generarsi, da un elemento di sterilità.

I caratteri somatici che definiscono il nostro aspetto, occhi, capelli, denti, mani, unghie, piedi, i muscoli, lo scheletro, ghiandole e organi, non sono che gli orpelli, i componenti funzionali a un involucro precario e provvisorio che, in assenza di queste tre entità trascendenti (anima coscienza e spirito) non sarebbe mai divenuto ne potuto essere programmato e ne pensato. I veri “Noi Stessi”, sono di un’altra sostanza, invisibile a qualsiasi microscopio atomico, ma ben visibile al cuore cosciente di che sa vedere oltre l’apparente e il razionale.
Lo spettacolo desolante di questo mondo alla fine, le montagne di rifiuti e scorie tossiche che stanno seppellendo le nostre esistenze, l’inquinamento dell’aria e la contaminazione delle acque, ci danno un quadro chiaro di quanto la scienza moderna sia stata nefasta per l’umanità tutta, e del cammino intrapreso.

Il nostro, è un pianeta abitato da oltre 9 miliardi di individui, una gran parte dei quali muore per denutrizione e a causa di condizioni igieniche inimmaginabili – una seconda parte si alimenta di guerre e distruzione – una terza, immaginando di vivere nel “paese dei balocchi”, da sfogo alla sua ingordigia compulsiva consumando tutto ciò che di più becero il Sistema produce, e tutti insieme che si domandano se “siamo soli nell’universo”!!!
Si, siamo soli nell’universo; come solo è l’universo fra gli infiniti universi – ma non saremmo così soli se non fossimo così stupidi. A tal punto, che se per una remota ipotesi, si scoprisse una diversa forma di vita nello spazio, c’è da giurare che cercheremmo in tutti i modi di annientarla.

Preoccupiamoci piuttosto di smussare le asperità e ridurre le frizioni che compromettono i rapporti con gli altri, liberandoci dai pregiudizi e ideologie, e dall’inseguire le chimere di una scienza effimera, così da sviluppare quella solidarietà salvifica e dopante, che non solo ci farà sentire meno soli, ma tutti quanti insieme l’opera di uno speciale progetto creativo dentro il quale ogni domanda trova la sua risposta.

Tratto da:http://www.stampalibera.com/

Una risposta a “La scienza dell’anima

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...