Finmeccanica: arrestato A.D. Orsi. Credibilità Piazza Affari a pezzi

giuseppe-orsi-amministratore-delegato-di-finmeccanica-e-stato-arrestato-per-corruzione-internazionale.aspxL’accusa: tangenti pagate al governo indiano. Disposti altri arresti. Ormai non passa giorno o settimana, in cui qualche grande società italiana quotata in Borsa non faccia parlare di sé per corruzione, tangenti, derivati. MPS, Eni, BPM, Unipol. La lista si allunga. (WSI) – Certo che ormai la credibilità diPiazza Affari rischia di essere fatta a pezzi. E molto probabilmente, agli occhi dei piccoli risparmiatori e della gente comune, è già così. Ci si può azzardare a dire, infatti, che ormai non passa giorno – o, per essere generosi – non passa settimana, in cui qualche grande società italiana quotata in Borsa non faccia parlare di sé per corruzione, tangenti, derivati, etc.

L’ultimo caso è quello che vede finire nella buferaGiuseppe Orsi, amministratore delegato di Finmeccanica che, per disposizione del giudice di Busto Arsizio, è stato arrestato, sotto l’accusa di corruzione internazionale: si parla esattamente delle tangenti pagate per assicurarsi la vendita di 12 elicotteri al governo indiano.

Ma Orsi non è l’unico a finire in manette. Si può parlare di inizio di decapitazione dei vertici di Finmeccanica, visto che il giudice ha disposto anche gli arresti domiciliari per Bruno Spagnolini, amministratore delegato di Agusta Westland. Altri due ordini di cattura sono scattati contro i mediatori che hanno avuto il ruolo di distribuire le tangenti permettendo a Finmeccanica di creare fondi neri per pagare gli autori delle operazioni.

Un 2013 nero per Piazza Affari, in termini di credibilità. Prima il caso Monte dei Paschi di Siena, che ha fatto sorgere molti dubbi sul mondo delle Fondazioni e sulla stessa Banca d’Italia.

Poi il turno di Eni, con l’apertura dell’indagine anche nei confronti dell’amministratore delegatoPaolo Scaroni.

E’ di poche ore fa la bufera Unipol, per i derivati e titoli tossici che hanno provocato perdite ingenti ai clienti.

La scorsa settimana, il 7 febbraio, sono saltate fuori rivelazioni di come, sotto la presidenza di Massimo Ponzellini, Banca Popolare di Milano finanziasse la criminalità organizzata.

Proprio ieri, Antonio Ingroia, leader di Rivoluzione Civile, aveva detto: “Finmeccanica, la più grande azienda industriale italiana pubblica, rischia di diventare un nuovo caso MPS – sostiene ancora Ingroia – La vicenda è semplice: l’Ad Giuseppe Orsi è sotto inchiesta per vicende gravissime nell’esercizio delle sue funzioni. La società è indebitata e vuole disfarsi delle attività civili. Orsi ha più volte comunicato al mercato la
volontà di incassare 1 miliardo di euro per ridurre le perdite, vendendo i gioielli di famiglia. In questi giorni sta accelerando la vendita di Ansaldo Energia privando così l’Italia di un patrimonio tecnologico e produttivo. Ci chiediamo perché l’Ad di Finmeccanica voglia vendere a tutti i costi prima delle elezioni”.

Fonte:http://www.wallstreetitalia.com/

3 risposte a “Finmeccanica: arrestato A.D. Orsi. Credibilità Piazza Affari a pezzi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...