Removing the shackles – Ricordate?

 

cropped-Banner-1000x288-ts

 

Do You Remember?

 

Chi sei? Da dove vieni?

 

Ti ricordi perché sei qui? Ti ricordi il gioco? L’esperimento?

 

Forse no …….. ancora…

 

Questo era parte delle regole del gioco che abbiamo fatto quando abbiamo creato il gioco. Le regole che abbiamo concordato di seguire con la Sorgente quando abbiamo deciso di portare avanti il Grande Esperimento.

 

Il gioco si svolge come una produzione teatrale: I giocatori, a loro volta, giocano ciascuno la loro parte nel palco del Grande Esperimento. La regola numero uno è non ricordare …. nulla. Essi sono bendati e non hanno il permesso di guardare le regole del gioco o le istruzioni. I giocatori sono disposti sul palco, senza copione e senza indicazioni sul come interagire tra loro mentre vanno avanti. L’unico indizio che hanno è la colonna sonora musicale che suona in sottofondo e i loro ingegni che ricevono suggerimenti e frammenti di informazioni l’un l’altro mentre si muovono attraverso lo scenario.

 

Quando decidemmo di giocare al Gioco ci furono alcuni giocatori che decisero di fare la loro parte fuori dalla scena. Loro non dimenticarono, non misero le bende sugli occhi. Questi giocatori si nascosero dietro la tenda e conservarono accesso completo al Regolamento e alle Istruzioni del gioco e per questo sapevano esattamente come il Grande Esperimento si sarebbe svolto. Questi giocatori decisero di nominare loro stessi i Registi.

 

All’inizio dell’esperimento, la scena andò avanti senza grandi problemi. I giocatori interagivano tra di loro, improvvisando mentre andavano avanti, imparando a prendere spunti dalla musica in sottofondo e dalle interazioni tra di loro. Gli Amministratori iniziarono ad esercitarsi, proclamarono la loro autorità e cominciarono ad intromettersi nel gioco. Cominciarono a dare indicazioni dal bordo del palco, creando regole che interferivano con la liberà dei giocatori, togliendogli la possibilità di interagire realmente l’un l’altro. Gridavano nuove indicazioni che creavano separazione e divisione tra i giocatori, dividendoli in squadre in modo da fargli perdere la loro capacità di lavorare insieme come un unico gruppo.

 

Per mantenere i gruppi organizzati, gli amministratori posero dei leader nel mezzo. Questi erano i loro intermediari e sarebbero stati responsabili nel dettare al resto del gruppo nuove norme e regolamenti. Essi chiesero obbedienza assoluta, le loro voci soffocarono la musica in sottofondo e smorzarono la capacità dei giocatori di interagire tra loro e di utilizzare il loro intuito ed ingegno per lavorare insieme.

 

I Registi permisero a questi leader di dettare regole per i giocatori, incoraggiandoli a legare i loro gruppi con corde di paura e catene di diffidenza per chiunque non facesse parte del loro gruppo. I Registi applaudirono perché pensavano che quei vincoli avrebbero tenuto i gruppi insieme per sempre, a prescindere dal fatto che l’esperimento si fosse concluso o meno. Gongolavano nella loro superiorità, pensando che sarebbero rimasti per sempre sotto controllo ….

 

… Ma dimenticarono una cosa di vitale importanza.

 

Mentre il Grande Esperimento cominciava ad esaurirsi, successe qualcosa di incredibile. Con i vari gruppi separati, i giocatori cominciarono a rendersi conto che qualcosa non andava. Cominciarono ad ascoltare la musica. Cominciarono a ricordare che non soli, che c’erano altri gruppi sulla scena, ma che anche loro erano nella stessa partita. Mentre ricordavano, porgevano la mano a quelli in altri gruppi, unendo le mani fino a che il palco non cominciò ad assomigliare ad una gigantesca ragnatela di Esseri interconnessi. Mentre allungavano la mano per raggiungere gli altri cominciarono a liberarsi dalle corde della paura ed a muoversi gli uni  verso gli altri ….

 

Ai Registi questo non piaceva affatto. Le loro grida dal retropalco non ricevevano l’attenzione alla quale erano abituati. Sapevano che per loro l’unico modo di rimanere al controllo era quello di intensificare il loro gioco. Così saltarono sul palco, ma lo fecero sotto mentite spoglie. Presero personaggi dalla storia, dalla leggenda e dalle tradizioni religiose. I registi entrarono al centro della scena e si aprirono la loro strada attraverso i gruppi, dipingendo loro stessi come personaggi affascinanti e convincendo i giocatori che erano lì per salvarli …. che solo loro, i Registi in forma di “Esseri divini” avevano le risposte a tutte le loro domande e che solo attraverso di loro i giocatori potevano raggiungere il loro obiettivo finale.

 

Funzionò per un breve periodo. I giocatori videro questi esseri “divini” e gli resero omaggio guardandoli con speranza e timore …. e gli Amministratori amavano questa cosa. Gli piacque così tanto che non vollero che finisse mai più. Chi se ne frega del Grande Esperimento! Chi se ne frega della fine del gioco Chi se ne frega delle regole e le istruzioni che i giocatori hanno deciso e concordato insieme! Oh sì! Pensavano di poter continuare il gioco e di andare avanti per sempre …

 

Ma …. si sono dimenticati qualcosa che era di vitale importanza.

 

La fine del gioco.

 

L’atto finale del Grande Esperimento era a un istante preciso, un momento preordinato nel tempo che era immutabile, irremovibile, inalterabile …. anche da loro. I Registi fremevano dal recitare nel ruolo del “Divino”, ma in realtà erano giocatori, proprio come tutti gli altri sul palco. Sì, non furono bendati, conoscevano le regole e le istruzioni del gioco, sì, ricordavano …. ma erano proprio come tutti gli altri giocatori nel Grande Esperimento, uguali a tutti.

 

Gli Amministratori agitarono tutti i tipi di premi di fronte ai giocatori nel tentativo di fargli continuare a credere che erano “Divini”. Soldi, Soldi Soldi …. Libertà ….

 

“Libertà?” Aspetta un minuto! I giocatori iniziarono ancora una volta  ad ascoltare la musica, iniziarono ad interagire l’un l’altro, mettendo in discussione, chiedendo, ascoltando … “Libertà?” Ma ….. ?

 

Gli Amministratori provarono di tutto nel loro bagaglio di trucchi, ma  più cercavano di convincere i giocatori ad adorarli, più i giocatori si svegliavano.

 

Oh, gli Amministratori sapevano il motivo. Sapevano quello che stava succedendo. Cercarono di fermarlo, convinti di poter tenere i giocatori a ballare la loro canzone per sempre, ma nel profondo del loro cuore sapevano la verità:

 

Il Grande Esperimento era finito. Il gioco era finito.

 

L’unica cosa che gli Amministratori avevano dimenticato era che anche la Sorgente era coinvolta nel gioco. L’unica cosa che non sapevano era che in mezzo ai giocatori c’erano dei Guardiani  il cui lavoro era di salvaguardare la fine dell’esperimento.

 

Gli Amministratori urlarono più forte. Diedero ordini ai capigruppo,  ordini che crollarono prima di poter essere eseguiti. Corsero di gruppo in gruppo, facendo tutto quello che potevano per impedire agli altri giocatori di ascoltare la musica. Modificarono il copione, cercarono di gridare più forte della musica …. ma non funzionò.

 

I Guardiani cominciarono a svegliarsi dal loro sonno-veglia.  Guardarono gli Amministratori che fingevano di essere “Divini” e dissero: “Voi non siete” Divini “! Perché se foste” Divini” allora gli altri dovrebbero essere “non divini “. Voi siete solo giocatori proprio come noi-SIAMO TUTTI EQUAL! ” Si raggrupparono, afferrandosi le mani, collegando un gruppo all’altro attraverso tutto il palco universale in una rete gigante di luce. La Luce divenne più brillante fino a che quelli ancora sotto il fascino degli Amministratori poterono vedere attraverso i loro occhi bendati.

 

Mentre i giocatori si svegliavano si toglievano le bende e cominciavano a ricordare chi fossero.

 

SIAMO TUTTI UGUALI

 

Come sopra, così sotto.

Come in basso, così in alto.

 

EGUALI

 

…. Il capitolo finale di questa storia è stato scritto in questo momento e voi siete parte di esso.

 

E’ ora di togliervi la benda. Il gioco è finito. L’esperimento è terminato.

 

Respirate profondamente, guardatevi intorno e ricordare chi siete e perché siete qui.

 

Ricordate che siamo tutti uguali.

 

E ‘tempo di dire agli auto nominati Registi che ne abbiamo abbastanza dei loro imbrogli e inganni. Essi non sono Divini. Essi sono come noi: giocatori in un gioco e il Gioco è FINITO.

 

 

… Vogliamo scrivere questo ultimo capitolo tutti insieme?

 

Fonte:http://removingtheshackles.net/

Versione Italiana: https://lospecchiodelpensiero.wordpress.com

Annunci

5 risposte a “Removing the shackles – Ricordate?

  1. Meravigliosa ed esaustivsa descrizione/racconto della vera storia dell’umanita’. Non c’è modo di raccontarla meglio. Vorrei che ogni Anima al mondo ne ricevesse a casa una copia e la leggesse, la rileggesse e di nuovo ancora, fino a che non comprenda appieno l’implicazione di questa GRANDE VERITA’….

  2. il gioco sta per finire perchè tutti anche se pian piano iniziano a ragionare; non credo che può durare ancora a lungo in questo modo…….la luce vincerà presto……aramo’n……

  3. SI’, LO VOGLIO! Lo voglio per me, lo voglio per tutte le mie sorelle e fratelli in ogni parte del cosmo, lo voglio per i miei figli, lo voglio per tutte le persone che amo e per quelle che non amo abbastanza, lo voglio per tutti coloro che mi hanno fatto del bene e per coloro che mi hanno fatto del male e me ne faranno ancora….Lo voglio perché so che è giusto così, perché lo merito, perché so che posso farlo….perché E’ ORA…. Om Shanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...