Il Royal Masonic Hospital, l’ospedale della regina d’Inghilterra

Nel 1911, i membri della Malmesbury Lodge No. 3156 si interessarono alla possibilità di avviare un ospedale massonico o  una casa di cura e formare un comitato con un ingegnere civile, Percy Still, come segretario. Nel 1913 la Gran approvò l’idea e nel 1916 cominciò la raccolta fondi. Il crescente numero di vittime della Grande Guerra portò i sostenitori dell’ospedale a stipulare un contratto di locazione a breve termine con il Chelsea Woman’s Hospital a Chelsea, Londra, intitolandolo Freemasons War Hospital.

 

 

Oltre 4.000 militari vennero curati in questo ospedale entro la fine della guerra. Vennero aperti padiglioni aggiuntivi al Fulham Palace e una casa di riposo nel Caversham vicino a Reading.

Nonostante le modificazioni l’ospedale massonico risultò troppo piccolo e i suoi sostenitori continuarono gli sforzi per trovare un sito più grande. Una volta raccolti sufficienti fondi venne acquistato un terreno a Ravenscourt Park, West London. Nel 1933, Re Giorgio V e la regina Maria aprirono l’ospedale e il re concesse l’autorizzazione perchè fosse conosciuto come Royal Masonic Hospital. I soldi per l’ospedale vennero raccolti attraverso le donazioni e ai finanziatori venne concesso un gioiello speciale conosciuto come Permanent Steward’s Jewel.

Durante la seconda guerra mondiale, l’ospedale divenne di nuovo un ospedale di guerra, curando oltre 8.600 militari, senza alcun costo per il governo. Dopo la guerra, la formazione del Servizio Sanitario Nazionale sancì la fine di molte cliniche private ma il Royal Masonic Hospital rimase indipendente. Nel 1948, venne fondata una Scuola per infermiere guadagnandosi rapidamente la reputazione di produrre personale infermieristico altamente qualificato, di cui la fibbia d’argento riportata sotto, divenne un tratto distintivo.

Dalla fine 1970 circa 4.700 pazienti l’anno vennero trattati nell’ospedale. Anche se i pazienti erano per lo più massoni, dal 1977 vennero accettati anche i non membri paganti. Nel 1976 il Gran Maestro, il Duca di Kent, aprì l’ala Percy Still, con quattro nuove sale operatorie. Sempre meno massoni, tuttavia, vollero recarsi a Londra per farsi curare e i costi della gestione salirono spropositatamente a causa dell’inflazione. Nel 1992 la Gran Loggia lo fece chiudere per tutelare i suoi assetti. Nel 2002, gli edifici ospedalieri vennero acquistati dalla Hammersmith Hospitals NHS Trust, per alleviare le carenze di posti letto. Vennero prodotti numerosi gioielli in collaborazione con il Royal Masonic Hospital, i più comuni furono il Permanent Steward’s Jewel e il Redevelopment Fund Jewel.

Da sinistra a destra:

Il Permanent Steward’s Jewel – Venne progettato da CLJ Doman (che produsse anche la medaglia Armistice Anniversary  nel 1928). Il nastro è blu scuro e chiaro a simboleggiare l’arte muratoria e il design mostra l’umanità soccorrere i malati. Il motto, ‘Aegros Sanat Humanitas” significa “La gentilezza cura i malati”. La stella a cinque punte massonica e le lettere FH (Freemasons Hospital) completano il gioiello. Quest’ultimo venne originariamente costruito in argento e sul retro fu inciso il nome del donatore assieme al numero della loggia di appartenenza. A seconda della donazione nel retro venivano inoltre scritti i seguenti titoli: ‘VICE-PATRON’, ‘PATRON’, ‘GRAND VICE-PATRON’ e ‘GRAND PATRON’.

Il Redevelopment Fund Jewel – Questo gioiello venne rilasciato a coloro che sottoscrissero £ 12 (o più) all’Assistant Grand Master’s Redevelopment Fund per la costruzione di altri padiglioni nel 1956. Il gioiello venne progettato da Leslie Durbin, M.V.O. LL.D., artista e argentiere. Mostra il dettaglio di una mano da un dipinto dall’artista Botticelli. Le versioni precedenti avevano del testo sul retro, ma venne successivamente omesso.

Il gioiello per le donne che divennero Life Governors nel 1932,incorporò l’immagine del Permanent Steward’s Jewel . Il monogramma sulla barra è ‘FH’ per ‘Freemason’s Hospital’ in quanto all’edificio non era ancora stato concesso il titolo regale. Il gioiello è composto da più parti ed è in oro a 9 carati.

Il gioiello femminile dopo l’apertura dell’ospedale. Generalmente simile al precedente, ma questo è un pezzo unico fuso di argento smaltato in oro, con il monogramma ‘RMH’, per ‘Royal Masonic Hospital ‘.

 Fonte

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...