L’aggressione imperialista contro la Siria vista di Hugo Chavez

VENEZUELA-SYRIA-CHAVEZ-ASSADL’aggressione imperialista contro la Siria vista da Hugo Chavez

di Luciano Lago

 

Risulta molto significativo il discorso che Chavez ha fatto, 3 mesi circa prima della sua morte, rispondendo a una precisa domanda della corrispondente della CNN in Venezuela, miss. Newton.

Ne riportiamo una trascrizione tradotta dei passi sostanziali.

“Quello che sta accadendo in Siria rassomiglia molto a quanto è già avvenuto in Libia. Non so se razionalmente o umanamente qualcuno può essere d’accordo con quello che è accaduto in Libia : Gheddafi si è visto come è stato assassinato e torturato. Dove sta il senso di umanità dietro avvenimenti di questo genere quando i presidenti delle grandi potenze occidentali si sono accordati per assassinare un presidente legittimo ed insieme a lui una quantità di civili innocenti sottoposti a mesi di bombardamenti incessanti.

Gheddafi è stato martirizzato assieme ai suoi figli ai suoi nipoti ed a tutto un popolo.

Potremmo noi in Venezuela essere adesso d’accordo con l’aggressione che si sta verificando contro la Siria? Cosa potremmo fare noi per fermare questa aggressione?

Per fortuna ha preso fermamente posizione la Russia ed anche la Cina contro questa situazione in Siria e non è uguale a quella posizione che fu mantenuta nel caso della Libia.

La crisi in Siria è stata pianificata e programmata, provocata  dall’esterno del paese.

Spiacevolmente questa crisi ha rischiato di coinvolgere anche paesi confinanti come la Turchia per causa di bombardamenti che risultano essere azioni di provocazione.

Noi dobbiamo appoggiare in ogni modo la sovranità della Siria. Non è possibile che sia lecito bombardare e destabilizzare un paese sovrano per il solo fatto che questo non si trova d’accordo con le massime potenze mondiali (USA, G.B, Francia ed Israele).

 

Dobbiamo sottolineare l’ipocrisia di tutti i summit internazionali che si sono tenuti fino ad oggi quando si proclamava la volontà di pace e di democrazia da parte delle grandi potenze che si comportano poi in maniera del tutto difforme.

Questo comportamento  si accompagna ad una massiccia campagna di propaganda e di manipolazione delle informazioni  come avvenne allora nel caso della Libia per giustificare l’intervento militare.

Il governo degli USA è il responsabile di quanto avviene assieme ai governi europei che ne sono complici.

Non possiamo dimenticare come questi governi abbiano messo mano sulle enormi riserve valutarie della Libia, circa 200.000 milioni di dollari che facevano gola a tutti e di cui si sono impadroniti, quelle riserve sono sparite.

Grazie alla mia amicizia con Gheddafi, posso assicurare che ,da alcuni governi europei, sono stato sollecitato in passato per fare da intermediario per ottenere dei finanziamenti dalla Libia.

Hanno poi detto che quello era il “tesoro” di Gheddafi ma in realtà era di proprietà del popolo libico.Erano le riserve che tutti i paesi mantengono depositate nelle banche europee, anche se noi adesso stiamo proponendo di realizzare una banca del sud dove trasferire queste riserve

La Libia era un paese che aveva grandi ricchezze non soltanto di petrolio ma anche riserve d’acqua.

La popolazione aveva raggiunto un elevato standard di vita sotto la presidenza di Gheddafi e lui era amato dal suo popolo.

Gheddafi aveva fatto molto anche per l’indipendenza e l’autonomia dei paesi africani e per questo lo hanno assassinato.

Noi ,Repubblica Bolivariana del Venezuela, appoggiamo il governo legittimo della Siria, quello del presidente Assad.

E chi avremmo dovuto altrimenti appoggiare, forse i terroristi? Quelli che compiono orrende stragi sulla popolazione civile seminando terrore e morte?

Il presidente Assad ha fatto giganteschi sforzi per fare riforme nel suo paese, anche riforme  costituzionali ma non è servito a niente, vogliono destituirlo dall’esterno e destabilizzare il paese.

Il piano dell’imperialismo però questa volta è destinato a fallire poiché tutto il popolo siriano si è schierato con il pres. Assad  ed i terroristi sono stati già sconfitti nonostante le tonnellate di armi che ricevono dall’estero dai paesi interessati a destabilizzare la Siria.

Noi auguriamo lunga vita al pres. Assad.”

 

Tratto da:http://www.stampalibera.com

Annunci

Una risposta a “L’aggressione imperialista contro la Siria vista di Hugo Chavez

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...