Armi psicotroniche e scie chimiche

controllo-mentaleL’aspetto militare delle scie chimiche.

Stefano (felce e mirtillo), ricercatore indipendente, interviene alla conferenza contro la geoingegneria clandestina & modifica degli ecosistemi, organizzata dal Comitato Fiorentino “Il cielo su Firenze”. 1 ottobre 2011.

 

Buonasera. Voglio dedicare queste riflessioni a tutti i caduti e feriti dalle malattie croniche. Vorrei ricordare che lo scienziato citato prima, Edward Teller, è quello che nel (19)53 ha costruito la prima bomba all’idrogeno. Vorrei ricordare che Edward Teller, colui che presentò il progetto scientifico al signor Berlusconi nel (19)93 per ridurre l’irraggiamento da ultravioletti [ndr, leggi:http://straker-61.blogspot.com/2011/05/il-progetto-edward-teller-ed-il.html ehttp://www.tankerenemy.com/2010/03/il-giorno-in-cui-edward-teller-illustro.html], fu quello che nel “Progetto Manhattan” [ndr: Il progetto Manhattan nasce con la diaspora degli scienziati nucleari che per fuggire alle leggi antirazziali trovarono rifugio negli Stati Uniti. Vedi:http://www-news.uchicago.edu/fermi/Group29/fermi/storia.htm]denunciò Oppenauer per attività sovversive, ma soprattutto Teller è stato per 40 anni il capo della commissione scientifica che studiava la tecnologia aliena. Io ho approfondito l’aspetto militare delle scie chimiche (ndr: chemtrails – vedi:http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=55)perché negli anni ’80 sono stato sottoposto a esperimenti di controllo mentale, agli ultrasuoni dalla polizia italiana o da entità non meglio definite, direi a comando mafioso-massonico.

 

Gli esperimenti cui sono stato sottoposto negli anni ’80, oggi vengono sviluppate sulla totalità della popolazione. Le armi psicotroniche, prima di Chernobyl, nei trattati della NATO, venivano definite armi disumane. Erano dopo la categoria ” non letali”, dopo il nucleare chimico batteriologico.

 

Queste armi oggi sono in attività, sono in funzione. Non funzionano esclusivamente con irraggiamenti di HAARP, o di altre tecnologie. Funzionano anche con la luce del sole, e hanno effetti dannosissimi sul ciclo del carbonio. Le molecole del carbonio sono quelle che nel nostro DNA raccolgono informazioni dalla luce solare, per modificare il nostro sistema immunitario, soprattutto adeguarlo alla qualità diversa della luce del sole in questa fase.

 

Queste armi sono già attive. I primi che studiarono il lavaggio del cervello -come veniva chiamato durante l’ultima guerra- gli inventori di questa tecnologia, sono stati i gesuiti. Dopo di loro i russi e poi gli americani.

 

Oggi noi stiamo ingerendo le nostre antennine, le respiriamo, le assorbiamo attraverso l’acqua e i cibi. Queste nanoparticelle di metalli vanno a costituire un transponder all’interno del nostro corpo. Una rete elettrica artificiale che si sovrappone a quella naturale.

 

L’obbiettivo di queste armi è quello di inibire la vitalità umana. La prima fase del trattamento militare è un intervento che si chiama “GAS”, sindrome da adattamento graduale, cioè vengono a disturbare nel singolo individuo, nel singolo primate umano, vengono disturbate le comunicazioni.

 

La scienza sa che ognuno di noi, come altri mammiferi, se isolato dai nostri simili, ha delle reazioni autodistruttive. Nella guerra moderna l’autodistruzione è l’arma più economica.

 

Queste armi diminuiscono l’elettronegatività nel nostro corpo, quella che ci permette di assorbire protoni dal cosmo, quindi energia, vitalità. In questa prima fase … -ricordo che queste armi sono già attive su tutta la popolazione- … la prima fase consiste nel distruggere le relazioni, le comunicazioni, del singolo con i propri simili.

 

Gli scienziati sanno che a ogni restringimento dello spazio vitale delle comunicazioni una reazione autodistruttiva. Lo scopo è il controllo della popolazione, e il controllo interno, la sicurezza interna da garantire al totalitarismo delle merci, all’imperialismo finanziario che controlla tutto il pianeta.

 

Ora, nel nostro caso, sono ormai 15 anni che ci troviamo sotto una ionosfera artificiale d’alluminio (ndr: creata e mantenuta con le “chemtrails” o “scie chimiche”, vedi:http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=55). Come se, come se, un nuovo sistema di trasmissioni radio, più vicino, più accanto al nostro habitat, lavorasse esclusivamente sulla riflessione (ndr: rifrazione) di segnali radio che vanno ad agire sul nostro centro di comando che è la pineale (ndr: ghiandola pineale, posta al centro del cervello).

 

Questi metalli che noi respiriamo, queste nanoparticelle, si vanno a depositare all’interno della ghiandola pineale costituendo un circuito piezoelettrico artificiale, come quello della puntina di un giradischi. Lo scopo di questi signori è di sostituire il disco senza che noi ce ne accorgiamo.

 

Isolare, quindi, l’individuo, disturbare le sue comunicazioni, produrre nell’individuo una condizione perenne di mente reattiva, quindi di vivere, far vivere, gli esseri umani nella paura e nell’angoscia … le politiche delle emergenze … il vivere in pericolo. Tutto questo viene potenziato dalla continua (riproposizione) del crimine che viene espressa dalle televisioni, dal cinema, dove si fa la filosofia del delitto per legittimare la sacralità del profitto.

 

Ora, chi governa queste operazioni, sa che negli esseri umani gli episodi traumatici vengono conservati sotto forma di files-video. Ognuno di noi conserva nella sua memoria le sue esperienze traumatiche sotto forma di immagini. Tenendo sempre sotto ristimolazione queste memorie, perdiamo la consapevolezza, la mente logica

 

Quindi noi stiamo assorbendo le nostre antennine, le antennine si ricompongono all’interno della nostra ghiandola pineale, possiamo essere controllati non solo nei nostri pensieri, possono essere modificati i nostri pensieri. Possono essere danneggiate la nostra volontà e la nostra coscienza e, addirittura, può essere manipolata la nostra immaginazione, i nostri sogni, anche i nostri sogni.

 

Possiamo accorgerci di essere sottoposti a questo tipo di trattamento, singolarmente nelle nostre case, perché oggi queste armi possono operare anche in orizzontale, fino a pochi anni fa operavano soltanto dal satellite dall’alto verso il basso. Oggi operano anche in orizzontale utilizzando le frequenze dalla RAI che hanno liberato con il digitale terrestre (ndr: articolo correlato su LiberaMenteServo: “Il digitale terrestre altera le frequenze cerebralihttp://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4047), e il regalo che ci fecero i militari negli anni ’80, la telefonia mobile. Serviva a mappare, a classificare, le frequenze delle nostre radio-onde cerebrali, perché 4 misure sono uguali per tutti gli esseri umani (*), altre quattro variano.

 

Questo perché? Perché questo tipo di … io li chiamo “flash” … questo tipo di “spari” possono essere mirati direttamente sulla radiofrequenza cerebrale di un singolo individuo. Quindi possono colpire in maniera selettiva, oppure anche generalizzata. Le armi psicotroniche, quindi le armi che si servono della luce, sono delle radio-onde polarizzate, cioè sono dei segnali radio-polarizzati … esattamente come il laser, solo che nel caso nostro si tratta di onde hertziane polarizzate … che diventano un’arma a vari livelli. A seconda di come vengono regolate la potenza e la frequenza possono stordire, anestetizzare, o anche uccidere, o anche produrre un ictus o qualcosa del genere.

 

Ora, ricordando che il cervello è una rete elettrica a modulazione chimica … sappiamo dall’elettroshock che l’elettricità è dannosa per il cervello umano … se ricordate che cosa è accaduto tra natale e capodanno ultimi, ricordate che c’è stata una moria particolarmente strana di specie viventi sul nostro pianeta, sono morte circa una ventina di specie diversi di pesci e uccelli in luoghi diversi del pianeta in modo selettivo, e non era un esperimento, non era un incidente o un evento accidentale … era semplicemente un dispiegamento di potenza da parte dei militari che governano questo tipo di progetto, che hanno dimostrato al resto degli eserciti del pianeta la loro capacità di uccidere con armi scalari la specie prescelta, nel luogo prescelto, quando vogliono.

 

Ora, dire queste cose è un po’ terrificante, perché possiamo anche non accorgerci affatto di essere sottoposti a questo tipo di trattamento. Sentiremmo soltanto dei ronzii nell’orecchio sinistro e potremmo vedere delle lucine davanti al nostro sguardo, ma potremmo pensare che tutto ciò è una cosa normale. In realtà queste armi sono già operative. Queste armi hanno anche una tecnologia talmente raffinata, di origine aliena perché come vi dicevo il signor Teller dagli anni ’40, fin dagli anni ’40, era il capo della commissione scientifica che studiava la tecnologia aliena. Questo era il signor Teller. Grazie al cielo adesso è morto, ma ce ne sono altri come lui che operano. Queste armi stanno, in questa prima fase, destrutturando la nostra interfaccia, le nostre relazioni, con le persone a noi più care. In termini militari si chiama “GAS”, sindrome da adattamento graduale, cioè vengono disturbate tutte le comunicazioni del singolo individuo in maniera graduale, producendo depressione, autodistruttività, a vari stadi.

 

Ora, la materia che regola alla base questo tipo di armamenti era la fisica di Tesla (ndr: vedihttp://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=124)la fisica della “Risonanza Schumann” che dagli anni ’60 è stata censurata dai testi di studio dei licei scientifici e delle università. Tutta la fisica della risonanza è scomparsa dai testi universitari, perché la fisica della risonanza è alla base di queste armi che lavorano sul cervello umano. La filosofia orientale sintetizza la fisica della risonanza in un concetto semplice: “ciò che concorda nel tono vibra insieme”. Ecco, noi adesso, dobbiamo NON vibrare insieme [ndr: questa è la volontà messa in atto con il piano dei poteri militari di cui sopra,]. Ognuno di noi deve vivere in una condizione di dissonanza armonica, esattamente come il pianeta che viaggiando nel cosmo ha due enormi falle nei due oceani: una nel Golfo del Messico e un’altra nella centrale atomica in Giappone. Queste due enormi falle producono nella nostra “trottola”, viaggiando nel cosmo, uno scossone che aumenta sempre di più, soprattutto in relazione alle modificazioni geomagnetiche che stanno avvenendo nel sistema solare.

 

Ora, a me piacerebbe discutere in maniera approfondita con tutti voi sullo scopo primario di questa “GAS”, perché, forse, approfondendo meglio lo scopo potremmo capire meglio chi c’è dietro a questa operazione. Immediatamente potremmo pensare all’industria farmaceutica e all’industria militare. E’ chiaro che sono loro che governano questo processo, come spiegava prima Gaetano, si tratta di un riformattamento genetico della nostra specie non solo in funzione servile, non solo per avere dei buoni schiavi, obbedienti schiavi soprattutto prostrati, ma probabilmente anche qualcos’altro oltre che la riduzione della popolazione o il controllo delle coscienze. Se approfondiamo gli scopi ultimi di questi sistemi d’arma di condizionamento, potremo capire chi li governa. Però, sembrerebbe che i nostri governanti non ne sappiano nulla; la Prestigiacomo ha detto: «Io non so niente di scie chimiche».

 

Allora, se in 15 anni l’individuo non alza gli occhi al cielo vabbhé, può pure essere. Ma che non alzi gli occhi al cielo un “Verde” o un militante ecologico, comincia a diventare strano. Greenpeace, wwf, Legambiente, guardano le balene e non guardano gli operai della Telecom francese che si uccidono, eppure sono due fenomeni strettamente legati: si tratta di “autodistruttività da disturbi di comunicazioni elettriche”. Esistono università, centri scientifici, facoltà di nembologia, un’infinità di fisici di meteorologia che non vedono niente, non alzano gli occhi al cielo.

 

Quanto più il fenomeno diventa palese ed evidente, tanto più cresce l’omertà intorno a questa questione. Io personalmente, oltre alla sofferenza profonda che provo ogni volta che mi trovo sotto a un cielo d’alluminio, bianco, privo di alcune radiazioni calde, un cielo freddo, umido, nauseabondo, provo un dolore profondo. Penso al futuro, al futuro dei nostri figli, manca il nostro futuro prossimo perché sembra sempre più attivo questo sistema d’armi. La narcosi e la rassegnazione in cui ci troviamo, di fronte a un governo sempre più mediocre, mafioso; i linguaggi massonici oramai diventano dominanti alla televisione, sui giornali. Tutto questo è terrifico, perché se ci trovassimo di fronte a una questione come quella giapponese qui sarebbe una strage. E’ anche vero che potremmo essere sterminati dall’immondizia prima ancora che dalle radiazioni, o dalle armi a radioonde, però qualche cosa dobbiamo fare.

 

Si può fare qualcosa per difendersi da tutto ciò?

 

Purtroppo nei nostri gruppi non ci sono medici che potrebbero aiutarci nei sistemi di autodifesa. Alcuni sistemi di autodifesa da queste armi esistono e sono anche economici, molto poco costosi, possiamo costruirli in casa. Però bisogna conoscere un po’ la fisica della risonanza, e a quel punto potremmo difenderci da questi “disturbi elettrici”, diciamo così, che in questa prima fase stanno provocando una narcosi di massa associata al disturbo dei cicli biologici di tutti gli esseri umani: riposo, tutti i cicli circadiani (ndr, vedi:http://guide.supereva.it/educazione_alimentare_/interventi/2003/09/142833.shtml), il cibo, il dormire. Sono tutti quanti disturbati da queste armi. Il mio punto di vista è che un’entità più o meno oscura, ma comunque riconducibile all’élite industriale degli armamenti e dei farmaci che poi, nell’occidente cristiano, è controllata dall’élite della nostra religione. Cioè dai gesuiti, sono loro, sono loro i padroni della guerra e dei farmaci. Ma dietro a loro deve esistere sicuramente un comando ancora più centralizzato, e forse soltanto approfondendo gli scopi di queste irrorazioni e dell’uso di queste a armi potremo capire meglio cosa sta succedendo.

 

Io ho fatto uno studio del tutto empirico, comunque lungo nel tempo, e credo che ci siano -forse avrete sentito di questi disegni nei campi di grano [ndr: crop circles, cerchi nel grano. Vedi su LMS:http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=categories&op=newindex&catid=58], che ormai vanno avanti da circa 40 anni- Ora, quei disegni nei campi di grano sono stati fatti anche in Italia, e sono stati fatti in Sardegna, in tutto il Paese. Il messaggio che questi disegni portavano, messaggi scritti nei carboidrati, nel pane, nel grano, in quello che è la base della nostra vita: il carbonio, disegni di una geometria energetica che usa come modello la struttura tetraedrica della molecola di carbonio. La molecola di carbonio è l’unica fotosensibile nel DNA umano alle variazioni della luce solare. In quei disegni, in quelle strutture, c’erano stati dati degli allarmi: sia sul fatto che noi mangiamo pane OGM, grano OGM, dagli anni ’70, quindi mangiamo grano sterile, ma soprattutto queste scritture sulla superficie della Terra ci avvertivano, già nel (19)97, ci avvertivano che il pericolo per la nostra specie proveniva dal sole, e proveniva dalla radioattività. Tanto è vero che una di queste scritture la fecero all’interno del poligono di guerra di cui avete sentito parlare recentemente, dove hanno sperimentato gli armamenti all’uranio e “piacevolezze” di questo genere.

 

Ora, ovviamente queste informazioni sono quanto mai, diciamo così, indefinibili o vacue. Per me hanno un significato preciso: siamo stati avvertiti! Siamo stati avvertiti dal 1987 fino agli anni più recenti. Gli ultimi avvertimenti erano i più estremi, erano gli incendi sul 38° parallelo vicino a Palermo, a Canneto di Caronìa, sul 38° parallelo che è quello dove sono cominciati i terremoti in Giappone, e a Ginestra Fiorentina, qui vicino a casa vostra, nel 2004 e nel 2005 con incendi di natura inspiegabile o quantomeno da definire, della rete elettrica e della rete idrica. Cioè quelle cose che noi pensiamo siano le ultime al mondo che possano prendere fuoco.

 

Per saperne di più: www.tankerenemy.com

 

 

(*) ndr: Le onde cerebrali

 

Onde Delta: hanno una frequenza tra 0,5 e 4 Hertz e sono associate al più profondo rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell’abbandono totale. In questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di autogenerazione e di autoguarigione.

 

Onde Theta: la loro frequenza e’ tra i 4 ed i 8 Hz e sono proprie della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda. Il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioè, quando si sogna). Nelle attività di veglia le onde Theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacita’ immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creativita’ e alle attitudini artistiche.

 

Onde Alfa: hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz e sono associate a uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell’attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, yoga, taiji.

 

Onde Beta: hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz e sono associate alle normali attività di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attivita’ di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda. Per esempio, leggendo queste righe il vostro cervello sta producendo onde beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e l’esecuzione rapida di azioni. Nei momenti di stress o di ansia le beta ci danno la possibilita’ di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi.

 

Le onde cerebrali

Nel corso della nostra vita quotidiana tutti noi sperimentiamo diversi “stati di coscienza”. Per esempio, nell’arco di una giornata, tra la luce del mattino e il buio della notte, ci muoviamo da uno stato ordinario di veglia ai diversi stadi del sonno.
Ma anche gli stati di coscienza “straordinari” fanno parte della nostra comune esperienza: quando ci sentiamo particolarmente “creativi”, insolitamente “intuitivi”, eccezionalmente “lucidi”, profondamente “rilassati”.
Ordinari, o straordinari che siano, tutti gli stadi della nostra coscienza sono dovuti all’incessante attivita’ elettrochimica del cervello, che si manifesta attraverso “onde elettromagnetiche”: le onde cerebrali, appunto.
La frequenza di tali onde, calcolata in ‘cicli al secondo’, o Hertz (Hz), varia a seconda del tipo di attivita’ in cui il cervello e’ impegnato e puo’ essere misurata con apparecchi elettronici. Gli scienziati suddividono comunemente le onde in “quattro bande”, che corrispondono a quattro fasce di frequenza e che riflettono le diverse “attivita’ del cervello”.

Onde Delta
Hanno una frequenza tra 0,5 e 4 Hz e sono associate al piu’ profondo rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell’abbandono totale. In questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di autogenerazione e di autoguarigione.

Onde Theta
La loro frequenza e’ tra i 4 ed i 8 Hz e sono proprie della mente impegnata in attivita’ di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda. Il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioe’, quando si sogna). Nelle attivita’ di veglia le onde theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacita’ immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creativita’ e alle attitudini artistiche.

Onde Alfa
Hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz e sono associate a uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell’attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, yoga, taiji.

Onde Beta
Hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz e sono associate alle normali attivita’ di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attivita’ di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda. Per esempio, leggendo queste righe il vostro cervello sta producendo onde beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e l’esecuzione rapida di azioni. Nei momenti di stress o di ansia le beta ci danno la possibilita’ di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi.
Il fenomeno della risonanza
Nel 1665 il fisico e matematico olandese Christiian Huygens, tra i primi a postulare la teoria ondulatoria della luce, osservo’ che, disponendo a fianco e sulla stessa parete due pendoli, questi tendevano a sintonizzare il proprio movimento oscillatorio, quasi “volessero assumere lo stesso ritmo”. Dai suoi studi deriva quel fenomeno che oggi chiamiamo ‘risonanza’. Nel caso dei due pendoli, si dice che uno fa risuonare l’altro alla propria frequenza. Allo stesso modo e per lo stesso principio, se si percuote un diapason, che produce onde alla frequenza fissa di 440 Hz, e lo si pone vicino a un secondo diapason ‘silenzioso’, dopo un breve intervallo quest’ultimo comincia anch’esso a vibrare. La risonanza puo’ essere utilizzata anche nel caso delle onde cerebrali.
Studi che si sono serviti dell’elettroencefalogramma hanno mostrato un’ evidente correlazione tra lo stimolo che proviene dall’esterno e le onde cerebrali del soggetto in esame. Inizialmente, le ricerche in questo campo utilizzavano soprattutto la luce; poi, si e’ passati ai suoni ed alle stimolazioni elettromagnetiche. Cio’ che si e’ osservato e’ che se il cervello e’ sottoposto a impulsi (visivi, sonori o elettrici) di una certa frequenza, la sua naturale tendenza e’ quella di sintonizzarsi. Il fenomeno e’ detto ‘risposta in frequenza’. Per esempio, se l’attivita’ cerebrale di un soggetto e’ nella banda delle onde beta (quindi, nello stato di veglia) e il soggetto viene sottoposto per un certo periodo a uno stimolo di 10 Hz (onde alfa), il suo cervello tende a modificare la sua attivita’ in direzione dello stimolo ricevuto.
Il soggetto passa dunque ad uno stato di rilassamento proprio delle onde alfa.
I due emisferi cerebrali
Il cervello umano e’ suddiviso in due emisferi:
destro:
– sintetico (comprende l’insieme delle parti), concreto, spaziale (coglie le relazioni nello spazio), intuitivo (usa sensazioni e immagini), analogico (usa le metafore), irrazionale, olistico (percepisce le strutture di assieme), atemporale e non-verbale. E’ la sede delle attivita’ creative, della fantasia.
sinistro:
– analitico (comprende i dettagli), astratto (giunge all’interno, partendo dal dettaglio), lineare (lavora in ordine sequenziale), Logico, numerico, razionale, simbolico, temporale, verbale. E’ la sede di tutte quelle attivita’ che coinvolgono il linguaggio, la scrittura, il calcolo.
I due emisferi sono uniti da una lamina orizzontale di fibre nervose, il cosiddetto “corpo calloso”. Ogni emisfero ha competenze proprie: l’occhio sinistro, l’orecchio sinistro e tutta la parte sinistra del corpo sono connesse all’emisfero destro; l’occhio destro, l’orecchio destro e tutta la parte destra del corpo sono connesse all’emisfero sinistro.
I due emisferi, poi, funzionano in modo diverso; elaborano, cioe’, tutti i processi informativi, secondo modalita’ distinte. Per come si e’ finora strutturata, la nostra società da’ una maggiore rilevanza alle modalita’ di pensiero dell’emisfero sinistro, tanto che fino a poco tempo fa i neurologi definivano “minore” l’emisfero destro.
Ma, una visione piu’ bilanciata delle due componenti, un maggiore equilibrio tra le funzioni, una armonia tra razionalita’ e fantasia e’ ciò che, oggi, forse, l’umanita’ necessita con piu’ urgenza. Uno strumento semplice ed efficace per riequilibrare il potere dei due emisferi cerebrali e’ il suono Come abbiamo visto, ogni attivita’ cerebrale emette onde particolari, che possono entrare in risonanza con le onde sonore esterne. In questo modo il cervello viene ‘veicolato’ attraverso il suono, stimolato a sintonizzarsi su una frequenza (e quindi sull’attivita’ cerebrale che le corrisponde), portato a funzionare come un insieme.
Il ritmo biauricolare
Le onde cerebrali hanno una frequenza che l’orecchio umano non coglie. Ma, l’avvento dell’elettronica e dell’informatica applicata al settore musicale ha dato la possibilita’ di utilizzare tali frequenze, veicolandole attraverso onde sonore particolari.
Viene usata una particolare tecnica, chiamata ritmo biauricolare o binaurale, che opera in questo modo: se l’orecchio sinistro viene stimolato con un suono portante alla frequenza, poniamo, di 500 Hz e l’orecchio destro con uno a 510 Hz, la differenza di 10 Hz viene percepita dal cervello (e solo dal cervello, perché è una frequenza che sta al di fuori dello spettro sonoro).
Il cervello e’ cosi’ stimolato ad entrare in risonanza con il ‘ritmo biauricolare’ di 10 Hz (onde alfa) e, di conseguenza, con l’attività corrispondente: rilassamento, calma, tranquillità.
Il Cervello
Se aveste libero accesso a tutta la ricchezza del mondo, e prendeste solo un soldino, fareste esattamente quello che probabilmente avete fatto finora, nell’uso del vostro cervello.
Non vi è nulla al mondo di più penoso del modo, errato, con cui la persona media intende il potere del proprio cervello e delle menti cui esso è collegato, cioè quella conscia e quella inconscia.
Si può paragonare il cervello ad una stazione radio, trasmittente e ricevente.
Infatti, il cervello non è solo trasmittente, nel caso dell’immaginazione creativa e di cui si è già parlato; il cervello funge da ricevente, così come può ricevere gli stimoli di pensiero.
Quando viene stimolato, o sottoposto ad una alta dose di vibrazioni, il cervello diviene più pronto a ricevere il pensiero che gli proviene da sorgenti esterne:
Attraverso le emozioni, si possono incrementare le vibrazioni e l’ intensità del pensiero.
Stiamo,entrando in un’era meravigliosa, che ci consentirà di comprendere qualcosa in più delle forze naturali che sono in noi.
Forse impareremo che “l’altro Io” è più potente dell’Io fisico, che vediamo quando ci guardiamo allo specchio.
Spesso, si parla con ignoranza delle forze sconosciute che non possono rivelarsi attraverso nessuno dei cinque sensi, e solo quando arriviamo a percepirle possiamo constatare che tutto in noi è controllato da queste forze, basti pensare ai fenomeni della gravitazione universale, cui anche il nostro pianeta obbedisce, o anche solo alla forza dell’elettricità; che sappiamo in parte usare, ma non sappiamo ancora bene cosa essa sia.
Si deve riconoscere che ancor oggi l’uomo, nonostante tutta la sua cultura, ha capito ben poco, o forse niente, della forza del pensiero, tuttora sconosciuta pur essendo forse la più potente.
Si conosce ancora ben poco della struttura fisica del cervello e del complicato sistema di lavoro che consente di tradurre gli impulsi di pensiero nel loro equivalente fisico, ma stiamo per entrare in un’era in cui queste cose cominceranno ad essere comprese.
Molti scienziati hanno cominciato a studiare quella cosa stupenda chiamata “cervello” e, anche se siamo soltanto agli inizi, hanno scoperto che la centrale del cervello umano ha un numero di collegamenti tra le varie sue cellule equivalente al numero 1 (uno) seguito da 15 milioni di cifre.
E’ stato accertato che vi sono da 10 a 14 miliardi di cellule nervose nella corteccia cerebrale, e sappiamo che queste sono disposte in un sistema che non è assolutamente casuale; ma, sono ordinate in modo perfetto.
E’ sicuro che tale immenso ed incredibile sistema esiste allo scopo di sopperire alle nostre funzioni fisiche, della crescita e del mantenimento del corpo, ma potrebbe essere che con questo stesso sistema sia possibile anche comunicare con altre forze sconosciute?
Esistono sicuramente molte altre forme di percezione extra sensoriale che pervengono al nostro cervello, e che non sappiamo ancora ben definire, e tanto meno spiegare; una è quella che si verifica quando più persone si riuniscono attorno ad un tavolo, per studiare un determinato problema e discuterne le possibili soluzioni.

http://www.amadeux.it/subliminale/

Tratto da: http://www.silverland.info

La verità sulle armi Psicotroniche

Armi Psicotroniche e Bio-ingegneria – by “Felce e Mirtillo” 1/2

5 risposte a “Armi psicotroniche e scie chimiche

  1. Molti scienziati hanno cominciato a studiare quella cosa stupenda chiamata “cervello”….

    Certo che, dopo aver letto cosa sono stati capaci i scenziati fin dagli anni (19)80 studiando le onde celebrali, ed intervenire su di esse con armi psicotroniche, definire poi che stiamo entrando in una era meravigliosa, dove altri medici, facendo altrettanti e più elaborati studi sulle capacità della mente umana, non può che fare paura i ricavati dei loro studi, specie se si va a pensare chi é che ha la capacità di sovvenzionare tali studi e il fine che possano avere poi tali investitori una volta avuto in mano il frutto di tali ricerche.

    Come al solito nell’era moderna, si profila nulla di buono all’orizzonte…

  2. non capisco come siano tutti pazzi quelli che le implementano. NOn è solo chi le inventa, ma chi le usa! Migliaia di persone sono coinvolte……ma che si bevano le bugie di chi ordina loro di usarle?

  3. E` quello che mi sono chiesto molte volte anch’io, coloro che obbediscono e “mettono” in circolazione queste cose pensano di esserne immuni, le loro famiglie, i loro figli?! resta anche il fatto, come detto sopra, che la nuova era, con gli studiosi che hanno agito in passato e quelli che lo faranno in futuro, se non fermati, che nuova era puo` essere. Come e` stato descritto, quelli che sanno o che sapranno, saranno sempre pochi e restando assieme agli altri, essendo in minoranza, risuoneranno allo stesso modo loro. Che si fa allora? si uccidono tutti? sia scenziati che popolazione controllata? La mia non e` una provocazione ma e` una domanda, credo, logica; l’unica soluzione che si prospetta allora e` un’altro diluvio? come si spiega la libera scelta?

  4. Sono un ragazzo di rimini…e ho studiato il fenomeno scie chimiche per molto tempo…circa 5 anni. perchè preso dal nervoso vedere quegli aerei che con la loro misera scia piano piano formavano nubi e poi pioggia… ho capito, usando energia orgonica che non sono scie chimiche, ma i militari della nato, utilizzano onde elettromagnetiche per far si che la condensa degli aerei, riesca a persistere a una determinata quota… avendo la possibilità di fare ciò, sfruttano le onde elettromagnetiche prodotte dalle loro antenne poste sul territorio per fare bello e cattivo tempo! vi giuro che ci sono stato dietro per anni e alla fine sono arrivato all’unica conclusione possibile che è questa… uno scienziato di nome pier luigi ighina che io studiai prima che ne parlassero a voyager sulla rai ridicolarizzando quello che aveva scoperto facendolo passare per un matto; lui ha scoperto molte cose che riguardano il clima e tantissime altre se non qualsiasi cosa si voglia conoscere su questo pianeta…lui sapeva come far piovere e far venire il sereno con i suoi macchinari da lui inventati… di chimico non c’è nulla…ma sta di fatto che i militari sanno come controllare il clima e questo non va bene per niente perchè è l’arma più potente che esista sulla faccia della terra sopratutto perchè non si pensa sia possibile che ciò possa essere fatto dall’essere umano!! Saluti, Roberto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...