I sette aspetti della nuova coscienza.

ervin_laszloIl grande compito, la grande sfida del nostro tempo è cambiare se stessi. Vorrei fare un elenco di sette caratteristiche della nuova visione, della nuova coscienza, perché è possibile acquisirla, tutti possono evolvere, tante persone l’hanno già ed è diventata una conditio sine qua non della nostra sopravvivenza sulla Terra.

La prima caratteristica è l’olismo, la visione olistica, per contrastare la visione frammentaria, disciplinaria, atomistica, che separa tutto: la mente dalla natura, l’uomo e la società dalla biosfera, e tutti i campi della realtà l’uno dall’altro. La visione olistica è proprio quella comprensione unitaria che si sta sperimentando nei vari centri per la coscienza planetaria intorno al mondo, ed è una caratteristica fondamentale della nuova coscienza.

La seconda è il pensiero trasversale, globale, tra i due emisferi e tra i tre cervelli: non pensare sempre con l’emisfero sinistro razionale, o essere dipendenti solo dall’emisfero destro, quello più creativo e mistico e meno orientato all’uso della lingua. Bisogna avere la possibilità di muoversi, in modo armonico e fluido, tra l’uno e l’altro, utilizzare l’interezza delle nostre potenzialità. Questa è la base della vera creatività.

Terzo è la valorizzazione della comunicazione, non solamente possedere delle conoscenze, ma comunicarle. Comunicare è sicuramente la legge della vita e di tutta l’evoluzione. Questa possibilità di valorizzazione del comunicare, di condividere le esperienze, le idee è una caratteristica della nuova coscienza.

Quarto, lo stile di vita semplice. C’è un nuovo movimento verso la semplicità – non di chi è dominato da un movente economico, “siamo troppo poveri per non essere semplici” – ma la semplicità volontaria, scegliere di vivere in maniera più semplice e naturale, senza tutto questo eccesso attorno a noi nella civiltà occidentale. Questo è un movimento per il consumo responsabile, ecologico, etico molto rapido e forte nei Paesi cosiddetti industriali, e speriamo che dia una spinta di sviluppo anche negli altri Paesi.

Il quinto è la spiritualità, il rinascimento della nuova spiritualità. E’ molto interessante, molti maestri, saggi e lama possono fare da guida. Questa spiritualità viene dall’antichità, ha migliaia di anni e non localizza la divinità fuori dalla natura e dall’uomo ma dentro: tutto è divino e siamo tutti collegati attraverso questa divinità. Anche questo è un movimento in crescita ed è una grande speranza per il futuro.

Sesto è riscoprire la salute globale, individuale, il movimento verso i cibi naturali, l’ecologia, l’ambiente sano, l’unità dell’uomo con il suo ambiente per ritrovare la salute in un senso molto complesso e olistico, non soltanto come assenza di malattia, così come la pace non è solo l’assenza della guerra ma una totalità, un funzionamento del sistema al suo livello ottimale.

Settimo è la coscienza planetaria. Imparare a sentirsi parte del sistema Terra, passare da una vita locale ed egocentrica ad una visione globale, planetaria. E’ importante comprendere la bellezza e la complessità della rete ecosistemica e umana che forma l’intero pianeta, Gaia. Le sue leggi, le sue difficoltà, gli ostacoli al suo sviluppo armonico. Allargare il nostro punto di vista, usare la tolleranza, l’etica per superare ingiustizie e fanatismi, per un futuro planetario umano e sostenibile.

Concludendo, penso che tutte le attività pratiche e culturali che avvengono nei centri per la coscienza planetaria sparsi in tutto il mondo, esprimano la nuova coscienza. E’ importante perché la nuova coscienza si sviluppa attraverso la sperimentazione, sperimentare come vivere in questo modo, non solo pensarci in modo astratto, ma viverci dentro.

Ervin Laszlo

Tratto da:http://www.visionealchemica.com/

Annunci

2 risposte a “I sette aspetti della nuova coscienza.

  1. Indubbiamente parole sante e condivisibili, temo però che questa continua ridondanza del “cambiamento interiore” per cambiare il mondo non sia sufficiente e che al contrario sia solo un paravento dietro al quale ci vogliono far nascondere: “voi popolo continuate a sognare e a vivere nel mondo dell’astratto che al concreto ci pensiamo noi che comandiamo”!!!

  2. Chiederei mi venisse data una risposta alla mia domanda:” Dopo aver letto che i rettiliani conoscono la psicologia umana e di conseguenza sanno come controllarci, questi illuminati fanno di tutto e piu`, anche con sacirfici, per tenerci in gabbia, dopo aver letto che neanche il libero arbitrio abbiamo, come invece crediamo, per il fatto che siamo sempre addormentati ed e` difficilissimo uscirne, ci sono arconti nascosti tra gli interspazi delle dimensioni che si succhiano le energie e ci manovrano come vogliono, siamo qui per far sperimentare, in un certo modo, ogni cosa al Creatore, e altre tante cose; saro` stato grezzo ma credo si sia capito cosa voglio dire, ora chiedo cosa si deve fare ancora??? badare bene che non sto bestemmiando, sono sempre stato in prima linea per la liberazione delle essere e la sua ascensione, a modo mio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...