La prima Discesa del KRISTOS sul Pianeta Terra e la guerra tra parenti che provocò circa 640 milioni di morti nella zona di Mohenjo-Daro situata tra l’attuale India e Pakistan.

 

BGKrishnaArjunaSalve, come ben si sa ogni 2000 anni circa a seguito dei cambiamenti di Era nei Mondi a noi conosciuti avvengono delle modifiche evolutive. Si è visto nel precedente articolo, pubblicato in questo sito, dal titolo “La discesa del KRISTOS 2000 anni fa”, articolo inserito nei  riferimenti, cosa fu cambiato o modificato dal Maestro Gesù.

Noi, effettivamente non Iniziati, non Esoteristi, Massoni o altro, non sappiamo nulla di quello che si verificò nelle Ere precedenti a quella dei Pesci e precisamente le Ere dell’Ariete e del Toro. Andando a leggere i tre testi di Adea Edizione scritti da Om Oskraham e Halladhah Hanahit si  scopre che esiste una Gerarchia Occulta che dirige l’Evoluzione di Tutti gli Universi. La Gerarchia Occulta ogni volta che è necessario invia un Proprio Maestro affinché esegua il compito per quella Era. Sempre secondo i due autori l’ENERGIA che ha prodotto i cambiamenti Evolutivi in questi Universi a partire dall’Era del Toro viene chiamata KRISTOS che è una parte del PADRE di cui Gesù parla nei Vangeli. Precisamente nell’Era del Toro fu inviato il Maestro dalla Gerarchia Occulta di Nome Krishna, circa 5000 anni fa, il cui motto era “La Materia Generi il Moto”. Nell’Era dell’Ariete circa 2500 anni fa fu inviato, sempre dalla Gerarchia, il Maestro Buddha il cui motto era ” Soffri, Vivi, Muori e Godrai”. Nell’Era dei Pesci fu inviato dalla Gerarchia il Maestro Gesù, circa 2000 anni fa, il cui motto era “Io Sono la Via, La Verità, La Vita”. Per questa Era presente ovvero quella dell’Acquario sono stati inviati dalla Gerarchia Maestri e Discepoli il cui motto è “luce, Amore, Potere…. questa è La Via”. Pertanto l’ENERGIA chiamata KRISTOS è scesa in questi Universi ben 4 volte. Per quanto riguarda le modifiche che fatte dal Maestro Buddha non ho trovato testi di facile comprensione. Però, per il periodo dell’Era del Toro, il Maestro Krishna, secondo il testo La Bhagavad-Gita, così com’è, dell’autore Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami PraBhupada, inserito nei riferimenti, apportò parecchie modifiche evolutive. Durante il periodo di Krishna, sul pianeta Terra era l’età del bronzo e, su Questo Pianeta e su altri Mondi, il Matriarcato e il Principio Femminile erano molto più avanti del Patriarcato o Principio Maschile e la Gerarchia per riequilibrare i due principi fece modificare dal Maestro le Leggi e altre cose.

   Quello che si narrerà in seguito è preso dal libro sopracitato. E’ molto strano in quanto sul Pianeta Terra sembrerebbe che ci fossero due tipi   di civiltà una dell’età del bronzo e un’altra avanzatissima che usava armi a noi probabilmente ancora sconosciute. La società evoluta provocò una guerra nella zona di Mohenjo-Daro tra l’attuale Pakistan e India. La guerra provocò circa 640 milioni di morti e i due schieramenti contrapposti in campo erano tutti parenti perlomeno avevano lo stesso sangue. Anche questa volta come si narra nella Pistis Sophia del Maestro Gesù ci sono due fratelli uno della Luce  e l’altro  e della Tenebra.   

   Alcuni chiarimenti sulla Bhagavad-Gita:” La Bhagavad-Gita è il dialogo tra Sri Krishna, Dio, la Persona Suprema, e Arjuna, Suo devoto, Suo intimo amico e Discepolo. Arjuna rivolge alcune domande a Krishna, che risponde presentandogli la scienza della realizzazione spirituale. La Bhagavad-gita fa parte del Mahabharata, che fu compilato da Srila Vyasadeva, l’avatara-Scrittore, apparso sulla Terra 5000 anni fa per mettere per iscritto la seggezza vedica a baneficio delle generazioni future. Il Mahabharata è la narrazione storica delle straordinarie imprese del grande re Bharata e dei suoi discendenti, fino ad arrivare ai tre figli del re Vicitravirya: Dhrtarastra, Pandu e Vidura. Dhrtarastra, come figlio maggiore, avrebbe, dovuto ereditare il trono, ma a causa della sua cecità il potere toccò al fratello minore Pandu. Pandu ebbe cinque figli, Yudhisthira, Bhima, Arjuna, Nakula e Sahadeva; Dhrtarastra ne ebbe cento, di cui il maggiore si chiamava Duryodhana. Dhrtarastra non accetto mai la supremazia del giovane fratello Pandu e allevò i suoi figli animato dalla determinazione che un giorno essi avrebbero regnato sul mondo al posto dei Pandava, i figli di Pandu. Così Duryodhana e i suoi numerosi fratelli crebbero impregnati dalle ambizioni paterne, dal suo orgoglio e dalla sua avidità. Pandu morì prematuramente e i suoi figli furono affidati alle cure di Dhrtarastra. Quest’ultimo attentò più volte alla loro vita e a quella della loro madre, Prtha, chiamata anche Kunti. Ma le congiure di Dhrtarastra furono sventate grazie soprattutto ala santo intervento di Vidura, zio dei Pandava e alla protezione affettuosa di Sri Krishna. I guerrieri e i comandanti dell’epoca, gli ksatriya, osservavano il codice di cavalleria che proibiva loro di rifiutare una sfida al combattimento o al gioco. Abusando di questo codice, Duryodhana ingannò al gioco i cinque fratelli Pandava e riuscì a privarli del regno e perfino della libertà, costringendoli a un esilio di dodici anni. Trascorso questo periodo, i Pandava tornarono alla corte di Duryodhana per chiedergli un territorio su cui regnare, perché secondo il codice ksatriya un guerriero può svolgere soltanto la funzione di proteggere o di governare. I Pandava erano disposti ad accettare anche un solo villaggio, ma Duryodhana li schiacciò con il suo disprezzo: non avrebbe dato loro neanche la terra sufficiente a piantarvi un filo d’erba. Arjuna e i suoi fratelli non ebbero altra scelta che ricorrere alle armi. Cominciò così una guerra di enormi proporzioni. Tutti i grandi guerrieri della Terra si riunirono, chi per mettere sul trono Yudhisthira, il maggiore dei Pandava, chi per contrastarlo e attaccarono battaglia a Kuruksetra. La lotta non durò che diciotto giorni ma causò la morte di 640 milioni di uomini, il che ci fa intuire il grado di perfezionamento raggiunto dalla civiltà vedica, soprattutto in materia di difesa.

   In quell’epoca non solo si conoscevano armi nucleari (brahmastra), più sottili delle nostre, ma anche armi fisiche e altre ancora, che agivano nell’acqua, nell’aria e nel fuoco, e tutte con un grande potere distruttivo.  Torniamo ai primi istanti della battaglia: appena gli eserciti si riunirono Sri Krishna tentò d’intervenire in favore della soluzione pacifica, ma trovò Duryodhana deciso a governare la Terra a modo suo e pronto a disfarsi dei Pandava, la cui esistenza minaccia il suo diritto alla corona. I Pandava, puri devoti del Signore e di altre virtù morali, riconoscono Krishna come Dio, la Persona Suprema; mentre i figli di Dhrtarastra, privi di tale virtù, non vedono la Sua natura divina. Krishna si offre di partecipare alla battaglia, rispettando i desideri degli avversari: Egli non combatterà di persona, ma ordinerà al Suo esercito di raggiungere un campo di battaglia, mentre Lui in persona sarebbe andato nell’altro, dove avrebbe agito come consigliere. I Pandava scelgono di avere Krishna dalla loro parte e Duryodhana quindi vede unirsi alle sue forze militari l’esercito del Signore. Krishna diventa così il conduttore di carro del Suo caro amico e devoto Arjuna. Inizia la Bhagavad-Gita.

Per verificare se è vero che circa 5000 anni fa ci fu una guerra con armi sofisticate nella zona sopracitata sono state fatte parecchie ricerche da parte scienziati anche italiani, anche un articolo nel Corriere della sera del 05/02/2013, riportato nei riferimenti, ne parla.

Per concludere da questa storia verrebbe fuori che ogni qual volta negli Universi discende il KRISTOS questa, essendo un’ ENERGIA evolutiva,  procura dei cambiamenti. 5000 anni fa fu il riequilibrio tra il Principio Maschile e il Femminile. Il cambiamento di Leggi Cosmiche, cambiamenti evolutivi di Razze e Sottorazze, una guerra che procurò circa 640 milioni di morti e magari altre conseguenze a noi sconosciute. 2500 anni fa da quello che si può apprendere solo cambiamenti di Leggi Cosmiche senza guerre di portata catastrofiche e sicuramente cambiamenti evolutivi di Razze e Sottorazze. 2000 anni fa si è detto nel precedente articolo inserito nei riferimenti. Per quanto riguarda i tempi attuali le modifiche di questo Pianeta si leggono sui giornali, nei siti internet e citerei anche l’ultimo articolo pubblicato in questo sito e precisamente: https://lospecchiodelpensiero.wordpress.com/2013/04/27/non-e-successo-nulla-scettici-questo-e-per-voi/

Io aggiungerei, però, ciò che era previsto per questi tempi nel Nuovo Testamento e precisamente  in Matteo 24, il discorso profetico di Gesù e nella Rivelazione di Giovanni 8 e 9 dove si parla un po’ di piaghe e anche di una guerra in cui ci sono circa 200.000.000 di guerrieri e armi micidiali. Da quello che so io le profezie sono state modificate in quanto prima del 2000 è stato chiesta ed ottenuta una sospensione della Legge del Karma da parte di tutto il Pianeta. Successivamente è stato chiesto ed ottenuto che le catastrofi fossero attenuate in modo da provocare pochi o nessun morto. Io mi fermerei qui, spero di aver fatto cosa gradita. Un saluto. 

Artos

 

Riferimenti: Bhagavad-Gita così com’è di Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami PraBhupada Edizioni 

                     Bhaktivedanta 1987;

                     Il Sole e la Folgore, Gerarchia Occulta e Luce Amore Potere ….Questa è la Via di Adea Edizioni autori

                     Om Oskraham e Halladhah Hanahit;

                      http://misterobufo.corriere.it/2013/02/05/a-mohenjo-daro-per-raccontare-la-guerra-degli-dei/

                      https://lospecchiodelpensiero.wordpress.com/2013/04/17/la-discesa-del-kristos-2000-anni-fa/

 

5 risposte a “La prima Discesa del KRISTOS sul Pianeta Terra e la guerra tra parenti che provocò circa 640 milioni di morti nella zona di Mohenjo-Daro situata tra l’attuale India e Pakistan.

  1. Mi complimento Artos, la sapienza che ha rimesso a noi come fruitori del sito, sappia che é da parte mia estremamente gradita.
    La mia mente ha bisogno di cibo per appagare un’anima che non sa mai abbastanza e quel che Lei ci ha gentilmente rimesso é per me cosa nuova, quindi nuovo sostentamento che apprezzo e gradisco.

    La pace e la luce sia con te fratello karmico.

    • ciao artos secondo me ed alcuni amici i sacri libri indiani sono stati soggetto o contengono dati alterati come sembra piu logico attraverso tutto questo tempo passato , ma questo nn c’interezza adesso ,vogliamo sapere di piu su ( KRISTOS ) e sè sono dei co creatore e poi …. (l’energia evolutiva) , e poi ( il principio maschile e quello femminile ). se un giorno hai tempo ..ciao e grazie fratello

  2. ciao e comlimenti per l’interessante articolo. Comunque i miei amici contattisti sostengono che la legge del karma sia ben attiva tutt’ora e soprattutto ora si paga subito, non c’è più tempo. Vero è che Gesù ha lavato i peccati(karma) fino al suo arrivo. Ho sentito anche Bongiovanni dire che i cristiani nn sono soggetti alla legge del karma, bensì solo se si attenessero appieno alla legge del Cristo!
    Riguardo alle armi, ebbene il maestro spirituale della mia associzione yoga, che ha studiato i testi sacri da una vita e ha titoli di studi inerenti, sostiene che le battaglie si combattessero a colpi di…energia! Mudra, mantra ecc erano usati per difendersi, così come le arti marziali………Altri tempi decisamente altre realtà e altri punti di vista.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...