BILDERBERG 2013 AL GROVE HOTEL DI WATFORD

bilderbergfringefestivaDI CHARLIE SKELTON
guardian.co.uk

Il Meeting dei Bilderberg quest’anno riceverà qualche attenzione più del solito, giornalisti e blogger stanno convergendo tutti su Watford

Quando si sta scegliendo un posto per organizzare il summit politico più potente del mondo, non si può sbagliare : Watford. Forse le Seychelles erano già al completo.

Giovedì pomeriggio, un inebriante mix di politici, banchieri, miliardari, amministratori delegati e tutta la nobiltà europea piomberà sull’elegante vialone del Grove Hotel, a nord di Watford, dove inizierà la conferenza annuale del Bilderberg.

Sarà uno spettacolo forte – una delle meraviglie della natura – la cosa più eccitante che sia accaduta a Watford da quando misero un semaforo, subito dopo la rotonda sulla statale A 412. La zona intorno all’albergo è bloccata: gli abitanti sono costretti a girare con il passaporto per rientrare a casa. Sarà emozionante anche per i delegati. Il CEO della Royal Dutch Shell salterà fuori dalla sua limousine, deliziato dalla possibilità di trascorrere tre giorni interi di trattative politiche con il capo della HSBC, con il presidente della Dow Chemical, con tutti i suoi ministri delle finanze europei preferiti e con i capi dell’intelligence statunitense. La conferenza sarà, come sempre, il momento clou dell’anno per ogni plutocrate e lo è dal 1954. L’unica volta che Bilderberg ha saltato un anno era il 1976, dopo che il suo presidente fondatore, il principe Bernardo d’Olanda, fu arrestato per aver preso tangenti dalla Lockheed Martin.

Può sembrare strano, come quelle stesse lobby che, solo a nominarle, provocano tanto scandalo in Parlamento, abbiano il potere di riunire un gruppo dei politici del più alto livello e di ammaliarli per tre giorni di lussi e onori accompagnati da presidenti e amministratori delegati dihedge funds, multinazionali high-tech e grandi holding, senza che la stampa possa in nessun modo fraintenderli. “Va tutto all’opposto di quanto stabiliva l’impegno pubblico che prese [George] Osborne nel 2010, sulla necessità di una “trasparenza più assoluta della Agenda dei lavori che il paese abbia mai visto'”, dice Michael Meacher di MP. Meacher presenta il convegno come “una cospirazione anti-democratica dei leader del capitalismo di mercato occidentale che si incontra in privato per mantenere il proprio potere di influenza lontano da qualsiasi occhio pubblico”.

Ma, ad essere onesti, può essere utile un “controllo pubblico”, quando tutti i politici se ne stanno rintanati in un luogo ben protetto, insieme a tanti membri del Consiglio di Amministrazione di JP Morgan? Ci sarà sempre il CEO della BP pronto per fare in modo che nessuno possa fare indebite pressioni su nessuno dei politici. E se lui ( Il CEO della BP) non fosse momentaneamente nella stanza a tenerli d’occhio, allora ci sarebbe sicuramente almeno uno dei presidenti di Novartis, della Zurich Insurance, della Fiat o della Goldman Sachs International.

Quest’anno, ci sarà molto più “controllo pubblico” su Bilderberg. La pressione da giornalisti e degli attivisti infatti è riuscita ad avere un ufficio: per la prima volta in 59 anni ci sarà un ufficio stampa non ufficiale, composto da volontari. Sono attesi diverse migliaia di attivisti, blogger, fotografi e giornalisti da tutto il mondo.

Solo nel 2009 i testimoni erano appena una dozzina – circondati e anche arrestati dalla polizia greca che aveva una mano pesante. Quest’anno c’ è una zona stampa, un servizio di polizia, bagni chimici, un furgone snack, un angolo per portavoce – tutti gli ingredienti per un Bilderberg diverso. Hanno promesso “un’aria da festival”. Se vi preoccupate per la trasparenza o per il lobbying, Watford è il posto giusto per passare il prossimo fine settimana. Come si presenteranno i delegati alla stampa e al pubblico resta da vederlo. Ma non dimentichiamoci, che hanno tutti le mani piene delle opere di bene che sta perparando Bilderberg. La conferenza è, dopo tutto, gestita come un ente di beneficenza.

Se qualcuno si dovesse domandare a chi è destinata questa gigantesca operazione di sicurezza abbiamo, http://bilderberg2013.co.uk/participants/ la lista dei partecipanti alle ultime conferenze, in un file pdf inviato da Anonymous, nel quale si informa anche che tutte le spese di Bilderberg, nel Regno Unito, saranno pagate da un ente di beneficenza registrato ufficialmente: l’Associazione Bilderberg (charity number 272.706).

Secondo i conti la Charity Commission, l’associazione sosterrà i “notevoli costi” della conferenza, che si terrà nel Regno Unito, inclusi i costi dell’ ospitalità ed i costi di viaggio di alcuni delegati. Presumibilmente la Commissione di carità si occuperà anche delle massiccie spese per il contratto della sicurezza G4S. Fortunatamente però, la Commissione di carità riceve regolari somme a cinque cifre da due gentili sostenitori dei suoi scopi benefici: la Goldman Sachs e la BP. La più recente prova documentale delle spese sostenute risale al 2008 (pdf), dopo tale data la Commissione di carità ha omesso di indicare i nomi dei donatori (pdf).

L’obiettivo della Commissione di carità è “l’istruzione pubblica”. E come si deve fare per educare il pubblico? “In linea con gli obiettivi del Comitato Direttivo Internazionale si organizzano conferenze e incontri nel Regno Unito e altrove, e si diffondono i risultati conseguiti preparando e pubblicando relazioni sulle conferenze, sulle riunioni e con altri mezzi informativi.” Intelligentemente, i risultati vengono diffusi tenendoli accuratamente lontani dal pubblico e dalla stampa.

La Commissione di carità è supervisionata da tre fiduciari (pdf) membri del comitato direttivo di Bilderberg, il Vice Ministro Kenneth Clarke , Lord Kerr di Kinlochard, e Marcus Agius, l’ex presidente di Barclays che si è dimesso per lo scandalo Libor.

Il Deputato laburista Tom Watson osserva: “Se le accuse che un ministro sieda nel CDA di una Commissione di carità che finanzia discretamente una conferenza segreta di élite sono vere, allora mi auguro che il Primo Ministro ne sia stato informato. E’ stato proprio David Cameron che ha tracciato una nuova era di trasparenza. Spero perciò che chieda a Kenneth Clarke di aderire a questi principi in futuro”. In effetti sia George Osborne che K. Clarke possono considerare di attenersi al codice ministeriale, quando si tratta di Bilderberg e possono inserirlo nella loro lista di “incontri con proprietari, editori e dirigenti dei media”, come hanno sempre fatto in passato. Naturalmente, mentre lo scandalo sulle lobbying è ancora vivo, è possibile che i nostri ministri evitino di essere presenti a un evento tanto importante di lobbying aziendale. Lo scopriremo giovedì prossimo.

Charlie Skelton scrive su “10 O’Clock Live” & su “Have I Got News for You”, inoltre segue Bilderberg dal 2009. Tweeterà da Bilderberg Watford da @ deYook

Fonte : http://www.guardian.co.uk
Link : http://www.guardian.co.uk/world/2013/jun/02/week-ahead-bilderberg-2013-watford
2.06.2013

Traduzione per www.ComeDonChisciotte.org a cura di Bosque Primario

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...